Quantcast

Alpini solidali, riconoscimenti al volontariato di Piacenza foto

Teatro Municipale gremito, questo pomeriggio, per un incontro denso di significato dell’Adunata alpina. Ad aprirlo é stato il messaggio inviato dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che, dopo il referente ricordo dei caduti alpini, conteneva l’auspicio per il successo della manifestazione ed il saluto a tutte le penne nere d’Italia che operano per la sicurezza e la pace anche in un momento complesso come quello che stiamo vivendo.

Più informazioni su

Teatro Municipale gremito, questo pomeriggio, per un incontro denso di significato dell’Adunata alpina. Ad aprirlo é stato il messaggio inviato dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che, dopo il referente ricordo dei caduti alpini, conteneva l’auspicio per il successo della manifestazione ed il saluto a tutte le penne nere d’Italia che operano per la sicurezza e la pace anche in un momento complesso come quello che stiamo vivendo.
 
“Tutto prosegue bene – ha detto Bruno Plucani, anima della sezione alpina provinciale -. Spero che i piacentini continuino a dimostrare amicizia e siano tolleranti con gli alpini piú esuberanti”.  “L’Adunata nazionale – ha detto Massimo Trespidi, presidente della Provincia di Piacenza – é un connubio di amicizia. Sono convinto che gli alpini scriveranno una pagina unica ed irripetibile della storia di Piacenza. Una città fondamentale per l’Unità d’Italia, la Primogenita: questi giorni ci permettono di poter riscoprire i valori di unità, coesione, trasparenza, solidarietà che hanno fatto grande il nostro Paese”.
 
“La macchina organizzativa – ha detto Paolo Dosi, sindaco di Piacenza – ha preso il via durante la passata amministrazione. Abbiamo messo il meglio di noi, tutti i 200 dipendenti comunali hanno collaborato per coordinare il tutto, l’assessore Silvio Bisotti é stato un alpino vero ed ha interpretato nel migliore dei modi il lavoro di collaborazione”. “In questo anno – ha continuato – ci siamo confrontati con gli altri comuni che hanno ospitato l’Adunata. Ora é in corso e lunedì ne avremo nostalgia. Alcuni cittadini, nei mesi scorsi, hanno avuto ansia ma ora riceviamo solo segnali di apprezzamento”.
 
“Carissimi alpini – ha iniziato Giancarlo Muzzarelli, in rappresentanza della regione Emilia Romagna – grazie per il vostro impegno, attento e silenzioso”. Muzzarelli ha ricordato l’impegno degli alpini (e con loro tutti i volontari, i militari, la protezione civile) dopo il terremoto che, lo scorso anno, ha sconvolto l’Emilia Romagna. “Oltre alla loro capacità professionale – ha detto – tutti hanno nel cuore la loro simpatia. La gente dell’Emilia Romagna vi ringrazia. Viva gli alpini. Viva l’Italia!”.
 
Dopo il saluto delle autorità sono saliti sul palco i rappresentanti delle associazioni benefiche “Oltre l’autismo” e “Il cuore di Piacenza” alla quali ANA ha elargito due importanti contributi economici (di 15mila e 35mila euro). A consegnare i contributi é stato il presidente nazionale di ANA Corrado Perona. La dottoressa Aschieri ha sottolineato come l’Adunata sia stata la prima cardio-protetta (un centinaio i defibrillatori a disposizione delle penne nere).
 
A salire sul palco anche il senatore Carlo Giovanardi che ha voluto consegnare a Perona una particolare onorificenza conferita dal presidente della Repubblica. “Nell’onorificenza – ha detto – c’è il grazie a tutti gli alpini, anche a quelli che non ci sono piú”. Grande l’emozione in tutti i presenti che si sono alzati in piedi ed hanno applaudito a lungo; anche Giovanardi ha espresso emozione e stima nei confronti del presidente dell’ANA. “Mi sento veramente emozionato – ha detto Perona -. Guardando ai miei predecessori c’è da arrossire, era gente che ha combattuto, che ha sofferto. Spetta a noi continuare a condurre l’associazione conservando immutati i valori”.

Premiati anche due giornalisti di Bolzano, Florian Kronbichler (Corriere della Sera) e Alberto Faustini (Alto Adige), che hanno dedicato servizi giornalistici all’Adunata Nazionale 2012.
 
“I ragazzi e le ragazze – ha detto il comandante delle truppe alpine generale Alberto Primicerj  – aderenti al corpo degli alpini sono stati impegnati negli ultimi anni in Afganistan; hanno fatto 9 interventi successivi dal 2002 ad oggi.  Il corpo ha pagato un grosso tributo di vite umane (ben 19 i caduti) e molti sono stati i feriti. Il lavoro degli alpini é stato estremamente importante ed apprezzato dalla popolazione; oggi stanno collaborando con gli afgani, li stanno sostenendo e responsabilizzando. Siamo molto ottimisti sul futuro del Paese”.
 
Il generale Claudio Graziano, capo di Stato Maggiore: “Il senso di coesione degli alpini é importante, é un esempio per tutti noi”. Ha ricordato gli alpini caduti in Afganistan decorati al valore, poi la missione in Mozambico alla quale hanno preso parte numerose truppe alpine. “Hanno aderito a quella missione con grande entusiasmo e forza per portare la pace. Quando siamo arrivati c’era solo fame e disperazione, ripartendo c’era speranza in tutti. 2 gli alpini caduti sul campo”. Il generale ha ricordato tutti i caduti e feriti durante il servizio; in particolare i presenti hanno reso omaggio, applaudendo, ai carabinieri recentemente feriti davanti a Palazzo Chigi.

A concludere l’evento é stato Perona, presidente ANA da ben 9 anni, che ha fatto una breve cronaca di questi primi due giorni di Adunata Nazionale Alpina. “Stasera – ha poi detto – ci sarà una grande festa. Precede l’Adunata composta di domani quando avremo il coraggio di marciare ordinatamente al suono dei tamburi”. “Esprimeremo tutta la nostra amicizia a Piacenza, perché noi apparteniamo alla comunità!”. Infine: “Agli alpini dico di trasmettere i nostri valori e di non perdere mai l’amore per la Patria. Viva l’Italia! Viva gli Alpini!”.
 


I CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI PIACENTINE –
L’associazione “Oltre l’autismo” riceverà dall’ANA un contributo di 15mila euro. Verranno utilizzati per il progetto “Aperto per ferie” che, come ha spiegato la presidentessa Maria Grazia Ballerini, “servirà a dare sollievo alle famiglie nel periodo estivo che solitamente rimane più scoperto”. Al progetto collaboreranno educatori specializzati.

L’associazione “Il cuore di Piacenza” riceverà da ANA un contributo di 35mila euro. “Metteremo in cardio-protezione 10 scuole – ha detto la dottoressa Aschieri – poi inizieremo un percorso di auto-formazione degli insegnanti”. Insegnanti che potranno così poi trasmettere la conoscenza ai loro alunni.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.