Quantcast

“Da dono nasce dono”, sabato la raccolta di alimenti nei supermercati foto

Una iniziativa che mette insieme le diverse realtà solidali di Piacenza, i consumatori e i soggetti della grande distribuzione

Più informazioni su

E’ stata presentata stamattina l’iniziativa “Da dono nasce dono”, la raccolta di generi di prima necessità per persone in difficoltà. Ad organizzarla sono state La Caritas Diocesana di Piacenza-Bobbio, l’Associazione La Ricerca, Piacenza Solidale e con la collaborazione della Fondazione di Piacenza e Vigevano e del Centro di Servizio per il Volontariato (SVEP).

L’iniziativa, che si terrà sabato 25 maggio, ha l’obiettivo di raccogliere generi alimentari secchi a lunga scadenza destinati a sostenere i servizi della Caritas Diocesana, dell’Associazione La Ricerca, dei Frati Cappuccini di Santa Rita, dei Frati minori di Santa Maria di Campagna, della Caritas di Unità Pastorale “La Giara” e dei Gruppi di Volontariato Vincenziano.

“Si arriva alla terza edizione che quest’anno prende il nome di “Da dono nasce dono” e nasce dal progetto Piacenza Solidale – queste le parole di Giuseppe Chiodaroli – per la Caritas diocesana di piacenza – Si parla di prodotti categorizzati come “secchi”, coinvolgendo i consumatori e la grande distribuzione. I prodotto verranno riconsegnati dopo la raccolta da parte dei volontari, alle realtà che hanno dato la loro adesione”.

Si tratta di una iniziativa che ha riscosso grande successo nel 2012 e che si spera possa incontrare anche quest’anno l’attenzione e la sensibilità di tanti cittadini attraverso la donazione di generi alimentari a chi si trova oggi in grave difficoltà. Nella prima edizione sono stati raccolti 4 tonnellate, l’anno scorso abbiamo addirittura raggiunto le 11 tonnellate e per quest’anno l’obiettivo è di bissare il risultato del 2012.

“La grande distribuzione è presente con la Coop consumatori Nordest, Conad, la Sigma e l’Ipercoop – ha così spiegato Francesco Algirò, responsabile promozione umana della Caritas – Impegno messo in campo per il momento di grande difficoltà che si sta protraendo in questo periodo”.

A ricevere le derrate alimentari saranno i volontari della Caritas, dell’Ass. La Ricerca, del centro Caritas La Giara (maggiormente richiesti: pasta, riso, scatolame, latte olio, caffè, zucchero, pannolini, omogeneizzato, detersivo per lavatrice). I punti di raccolta saranno: il centro commerciale Gotico per l’Ipercoop; il Sigma di via Caduti sul lavoro 12; il punto vendita della Galleana di Coop in via Martiri della resistenza 12; e per il Conad i punti vendita di via Appiani, via Cella e il Superstore di strada Agazzana.

Sergio Driganti per Coop consumatori Nordest: “Noi preferiremmo non essere chiamati sponsor ma partner perché meglio si spiega la nostra volontà di agire con il sociale, volontà rispecchiata dalla risposta che i nostri soci sanno dare in queste occasioni”. Infine ha concluao Massimo Sbordi per la Fondazione di Piacenza e Vigevano: “Giusto mettere in evidenza il lavoro e l’impegno dei volontari, dopo ciò preferirei non dover patrocinare a queste iniziative perché sottolineano uno stato di emergenza. L’impegno che è continuamente profuso è sotto gli occhi di tutti tramite la capacità della Caritas diocesana di gestire le derrate sia secche che fresche, compito non sempre semplice”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.