Fiorenzuola, cittadinanza onoraria a bimbi stranieri nati in Italia. Prc “Il Governo non ci riuscirà”

Comunicato stampa di Rifondazione Comunista di Piacenza, in merito ad un provvedimento recentemente assunto dal Comune di Fiorenzuola

“Non solo riteniamo che chi nasce in Italia debba acquisire la cittadinanza italiana, ma pensiamo che il quadro legislativo riguardante i migranti debba essere totalmente riscritto, passando per la cancellazione della legge Bossi-Fini”. A dirlo sono Nando Mainardi e David Santi, rispettivamente segretario e capogruppo Prc in Comune a Fiorenzuola d’Arda, che hanno sostenuto e votato il documento, presentato in Consiglio Comunale da Paolo Savinelli, sul conferimento simbolico della cittadinanza onoraria ai bambini stranieri nati in Italia.
“Il problema – si legge in una nota – è che c’è un governo nazionale – fondato sull’alleanza tra Partito Democratico e Pdl – che non ha previsto, nel proprio programma, di affrontare in alcun modo tali temi. E, quindi, ben difficilmente recepirà la proposta avanzata dal Comune di Fiorenzuola. Non a caso il Pdl, in consiglio comunale a Fiorenzuola, ha votato contro il documento di Savinelli insieme al resto del centrodestra”.

“Ci sembra perciò molto difficile – concludono – per il Partito Democratico, il partito di cui Savinelli è esponente, proporre di fare un passo in avanti sul fronte dei diritti degli stranieri, che sarebbe necessario e sacrosanto, e al contempo allearsi e governare con Berlusconi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.