Fiorenzuola: inaugurato il museo del teatro Verdi

All’inaugurazione presente anche il sindaco Giovanni Compiani, l’assessore alla cultura Augusto Bottioni e don Gianni Vicini

Più informazioni su

C’erano anche il Maestro Giuseppe Verdi e la consorte Giuseppina Strepponi, magistralmente impersonati da Eric Montanari e Claudia Sgorbani, all’inaugurazione del museo del teatro Verdi. Prima del taglio del nastro ufficiale, alla presenza del sindaco Giovanni Compiani, dell’assessore alla Cultura Augusto Bottioni e di don Gianni Vincini, l’applaudito spettacolo allestito dalla Compagnia Dialettale Fiorenzuola guidata da Walter Portesi e impreziosito dalle più celebri arie verdiane, interpretate dal soprano Stefania Barbuti e dal baritono Alberto Mirino, accompagnati al pianoforte dal maestro Roberto Sidoli.

Il sindaco Compiani ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile il progetto del museo del teatro Verdi: “In primo luogo l’assessore Bottioni che con grande passione ha coordinato il progetto – ha spiegato il primo cittadino di Fiorenzuola – poi Eugenio Fabris, che ha trascorso ore e ore nell’archivio del Comune alla ricerca di documenti utili al museo del teatro Verdi. Poi Alice Bergamaschi, che con pochissime risorse e tanta creatività a disposizione ha realizzato un autentico gioiello. Ma voglio anche ricordare Walter Portesi e la Compagnia Dialettale Fiorenzuolana per il loro splendido spettacolo, Stefania Barbuti e Alberto Mirino, Franco Meneghelli, quindi Gianfranco Arcari, Alberto Bazzani, Giancarlo Cremonesi, Maurizio Merli, Gianfranco Periti, Walter Portesi, Luigi Rancati in memoria di Luigi Ravellini, Gianni Sterbizzi, la Pro Loco e la Corale Città di Fiorenzuola, che hanno portato il loro prezioso contributo. Il museo del teatro Verdi è un concentrato abilità e passione. Fiorenzuola si conferma una volta di più terra verdiana a tutti gli effetti”.

Il museo, allestito in una sala adiacente il ridotto del teatro Verdi, è stato realizzato con documenti e cimeli reperiti nell’archivio storico comunale e nei magazzini del teatro. E’ stata ricostruita la storia del teatro Verdi, dal 1853 quando si trovava ospitato nel palazzo Grossi, a oggi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.