Quantcast

Il ministro Mauro a Piacenza per l’Adunata “Discutiamo delle aree militari” VIDEO foto

Come promesso, il ministro della Difesa Mario Mauro ha preso parte, questa mattina, alla sfilata dell’86esima adunata degli alpini a Piacenza. A breve aggiornamenti. 

Più informazioni su

Come promesso, il ministro della Difesa Mario Mauro ha preso parte, questa mattina, alla sfilata dell’86esima adunata degli alpini a Piacenza. “Gli alpini sono uomini degni di Dio disse l’alpino Carlo Gnocchi. Credo non ci siano parole migliore per descriverli”. Così il ministro ha salutato i giornalisti al suo arrivo a Piacenza. “Spero si possa discutere presto a Roma – ha poi detto sollecitato sia dalla domanda dei giornalisti che dal presidente della provincia Massimo Trespidi – della situazione delle aree militari: mi auguro d’incontrare presto le autorità piacentine”.

Il ministro ha anche accennato al ritiro, che prederà il via oggi pomeriggio, dei ministri del governo Letta: “Staremo insieme 24 ore, non un tempo particolarmente lungo ma credo sia un buon auspicio per la durata del governo. I programmi, invece, verranno esposti mercoledí alle commissioni parlamentari: trovo opportuno e delicato che il ministro della difesa consegni le linee guida del proprio dicastero per primo alle forze politiche parlamentari”. Sollecitato dai giornalisti ha evidenziato la speranza che la terza anima politica, quella montiana alla quale aderisce, del governo possa “essere il punto di amalgama che rende possibile un cammino comune”.

Altra tematica toccata é stata la delicata questione maró. “Credo – ha detto – sia stata fatta la cosa migliore al debutto della vita del governo: nel programma illustrato da Letta in parlamento c’era un riferimento chiaro alla situazione due fucilieri di marina come una priorità. Pochi giorni dopo con il presidente del consiglio, il ministro degli Esteri, quello della giustizia e dell’interno abbiamo fatto due cose importanti: abbiamo riconfermato De Mistura come inviato speciale (garantendo la memoria storica del caso) e soprattutto ci siamo coordinati in modo tale che tutta la forza che la politica italiana può esprimere sia messa sulla stessa mattonella nell’interesse sia della nostra giustizia che dei nostri fucilieri di marina”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.