Quantcast

La festa sotto la pioggia, FOTO E VIDEO della notte foto

La pioggia battente di venerdì sera non ha fermato la festa a Piacenza per la 86esima Adunata nazionale delle Penne Nere. Di nuovo strade invase e atmosfera di festa

Più informazioni su

La pioggia battente di venerdì sera non ha fermato la festa a Piacenza per la 86esima Adunata nazionale delle Penne Nere. Di nuovo strade invase e atmosfera di festa. Nelle foto di Prospero Cravedi, Sergio Ferri e Marco Salami alcuni momenti della notte alpina.


LA GIORNATA – Con l’arrivo della Bandiera di Guerra del 1° reggimento di artiglieria da montagna e la resa degli onori in Piazza Cavalli, si è conclusa ieri sera la 1^ giornata dell’86^ Adunata Nazionale degli Alpini.

“Abbiamo voluto portare qui oggi la nostra Bandiera, la Bandiera di Guerra del 1° reggimento di artiglieria da montagna della Brigata Taurinense, che è decorata di una Medaglia d’Oro al Valor Militare per i fatti d’armi svoltisi nel Montenegro ed in Albania nel 1943, quando allora l’Unità operava contro le truppe naziste; abbiamo pensato che in una giornata nella quale qui si festeggia una testimonianza di libertà e di adesione verso l’allora Regno del Piemonte e poi d’Italia, fosse giusto portare una bandiera come questa” , le parole del Comandante delle Truppe Alpine.

Gli appuntamenti salienti della giornata di oggi, sabato 11 maggio, sono:

Ore 12.00: lancio di paracadutisti sullo Stadio Comunale;
Ore 15.00: incontro, all’Arena Daturi, tra il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale Claudio Graziano, e gli Alpini che hanno partecipato alla missione “Albatros”, in Mozambico, nel 1993;
Ore 16.00: Santa Messa in suffragio di tutti i Caduti, concelebrata in Duomo dall’Ordinario Militare e dal Vescovo di Piacenza;
Ore 18.30: saluto del Sindaco e del Presidente nazionale dell’A.N.A. presso il Teatro municipale.

Per quanto riguarda l’appuntamento delle 15, la missione in Mozambico rappresentò l’embrione di quello che è l’Esercito professionistico odierno, essendo i partecipanti, sì di leva, ma volontari.
La missione “Albatros” è considerata, ancora oggi, una delle operazioni militari meglio riuscite, con conseguente consenso internazionale per le Forze Armate italiane.
Gli Alpini che presero parte alla missione furono naturali testimoni e protagonisti della rinascita di un Paese che usciva da una spaventosa guerra civile e maturarono, giocoforza, un’esperienza coinvolgente ed impagabile, che tutt’ora si portano nel cuore.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.