Equitalia, Piacenza pronta all’addio dal primo luglio

Dal 1° luglio il Comune di Piacenza potrebbe abbandonare Equitalia per il servizio di riscossione coattiva dei tributi non pagati. Nonostante la quarta proroga di 6 mesi, approvata nel decreto "sblocca-debiti", la nostra città si sta muovendo per aderire alla struttura messa in capo dalla nostra Regione

Dal 1° luglio il Comune di Piacenza potrebbe abbandonare Equitalia per il servizio di riscossione coattiva dei tributi non pagati. Nonostante la quarta proroga di 6 mesi, approvata nel decreto “sblocca-debiti”, (che consente agli enti locali di continuare ad utilizzare l’agente nazionale fino al 31 dicembre) la nostra città si sta muovendo per aderire alla struttura messa in capo dalla Regione Emilia Romagna.

Ad aggiudicarsi la gara, predisposta dalla agenzia della Regione e in accordo con Anci Emilia Romagna per tutti gli enti locali della regione, è stata nelle scorse settimane Rti, raggruppamento temporaneo di imprese che per il “lotto” riguardante la provincia di Piacenza (l’importo della convenzione è di 9milioni e 993mila euro)  è composto da I.C.A. srl (mandataria), G.E.C spa e Silimbani Servizi Srl. I.C.A. offre già i propri servizi ad alcuni comuni del piacentino: nel capoluogo è già concessionario per l’imposta sulla pubblicità e per il canone di occupazione del suolo pubblico. Tanti i comuni, spiega la società, che hanno già chiesto informazioni e con i quali in questi giorni sono in programma incontri. Diversi sono i servizi previsti nella convenzione, a cui i comuni interessati potranno aderire: oltre al servizio di riscossione coattiva dei tributi, la gestione ordinaria e dei servizi di supporto alla riscossione di Tarsu/Tia-Tares, la gestione ordinaria e la ricerca di evasione di Ici, Imu e imposta di soggiorno, nonchè la gestione servizi di supporto alla ricerca evasione delle entrate comunali ed erariali”. I comuni hanno un anno di tempo per poter aderire; l’adesione alle Convenzioni darà origine a Ordinativi di Fornitura validi fino al 31 dicembre 2018.

“Stiamo facendo le ultime verifiche – ha detto l’assessore al bilancio Pierangelo Romersi – per lasciare Equitalia il 1°luglio e aderire alla gara Intercenter-ER”. L’assessore ha spiegato che quest’ultima soluzione sarebbe migliore sotto due aspetti: “Consentirebbe di superare una proroga solo temporanea – ha detto – e prometterebbe di dialogare con un soggetto del territorio sulla modalità di erogazione del servizio”. Un servizio di grande importanza perchè, come ha spiegato Romersi, la cifra da riscuotere ammonterebbe ad alcuni milioni di euro. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.