Pendolari, Fittavolini “Eliminata anche la pensilina per bici a Borgofaxhall”

Intervento di Ettore Fittavolini, presidente dell’Associazione Pendolari Piacenza 

Intervento di Ettore Fittavolini, presidente dell’Associazione Pendolari Piacenza 

E’ proprio vero che la vita del pendolare è sempre in salita, e le difficoltà cominciano già da quando si tenta di raggiungere la stazione, specie se, per comodità, per risparmiare qualche euro, o per rispetto dell’ambiente si decide di farlo in bicicletta!
 
Fino a tre anni fa i pendolari- ciclisti potevano posteggiare gratuitamente il proprio velocipede nel capannone a fianco della stazione: le biciclette non erano custodite (e non sono pochi i furti) ma almeno potevano passare la giornata al riparo dalla pioggia e dal sole cocente dell’estate.
Dal 2010 il Comune di Piacenza ha “pensato bene” di impedire ai propri cittadini di godere di questo beneficio, affidando il servizio di custodia a una cooperativa che, in cambio, chiede il pagamento di un abbonamento. Da allora posteggiare gratuitamente la propria bicicletta al coperto era (quasi) impossibile!
In seguito il Comune ha avuto altre “brillanti” idee per proseguire l’opera di vessazione dei pendolari, e tra queste brilla la scelta di istituire un divieto di sosta in piazzale Marconi (situazione unica in Italia) dei velocipedi e la rimozione di 21 biciclette, avvenuta questa il 4 marzo 2011 (altro evento senza eguali in Italia).
 
I pendolari avevano un’unica e piccola, possibilità per potere posteggiare il proprio velocipede al coperto: utilizzare la tettoia che si trova nello “stradello di borgo Faxhall”, di fronte all’ingresso degli uffici della Provincia.
Da sabato scorso anche questa possibilità è venuta a mancare: la “galleria commerciale borgo Fahxall” ha dato il via a dei lavori di asfaltatura che hanno comportato la rimozione della tettoia. Di chi fosse questa tettoia non chiaro (comune o Borgo Faxall), come non è chiaro se le tettoia sarà ripristinata (anche se il nostro fiuto da pendolari ci dice che le speranze sono poche). Alto argomento oscuro è che fine abbiano fatto le biciclette che erano posteggiate sotto la tettoia, visto che nei giorno precedenti nessun cartello ha avvertito i proprietari dei lavori imminenti.
 
Il tutto nel silenzio assordante del Comune di Piacenza, ma anche a questo siamo abituati, purtroppo….
 
Ettore Fittavolini
Presidente

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.