Prevenzione cardiaca. Cuccarini: “Piacenza città virtuosa” FOTO foto

Al Memorial “Maurizio Saltarelli”, intitolato all’uomo che fu coordinatore e anima del 118 piacentino, si sono svolte, questo pomeriggio in un Sant’Ilario gremito, le consegne dei riconoscimenti a volontari e istituzioni. Il tutto alla presenza della celebre presentatrice

Nelle 35 vite salvate a Piacenza su 100 emergenze di crisi cardiaca, contro le 2 di Roma su altrettanti casi, risiede il successo di Progetto Vita, che compie quest’anno 15 anni.

Al Memorial “Maurizio Saltarelli”, intitolato all’uomo che fu coordinatore e anima del 118 piacentino, si sono svolte questo pomeriggio in un Sant’Ilario gremito le consegne dei riconoscimenti a volontari e istituzioni, il tutto alla presenza di Lorella Cuccarini, da anni impegnata con Trenta Ore per la Vita e molto sensibile su questi temi. «Vorrei che Piacenza non fosse l’unica città virtuosa – ha subito chiarito la Cuccarini dopo avere illustrato i dati eloquenti da noi riportati all’inizio – centri come il vostro ce ne sono pochi e la strada da fare è ancora molto lunga. Sono 70.000 le persone che muoiono ogni anno per problemi cardiaci e molte di queste potrebbero essere salvate. Occorre espandere questa cultura e diffondere i defibrillatori».

Se questi risultati sono stati possibili è soprattutto per merito del volontariato, come sottolinea la presidente del Progetto Vita Daniela Aschieri: «Sono loro quelli che quotidianamente rappresentano il braccio armato di questa battaglia contro l’arresto cardiaco».

Prima della premiazione anche l’intervento del sindaco Paolo Dosi, il quale oltre all’aspetto sanitario sottolinea come emerga la «sensibilità collettiva della comunità piacentina, dove è cresciuta la cultura della solidarietà attorno allo strumento del defibrillatore» e le parole del prefetto Antonino Puglisi che ha ricordato come «essere dotati di un defibrillatore a cinque minuti di distanza da dove si presenta un’emergenza rappresenta la linea che separa la vita dalla morte».

Le parole del professore Alessandro Capucci – «In un momento difficile come questo, con i tagli lineari costanti e discriminanti che indeboliscono la possibilità di erogare buona sanità, da Piacenza arriva un messaggio chiaro: che se le istituzioni e la sanità vanno di pari passo si può lavorare a servizio della gente» – aprono poi il momento più atteso, quello della consegna dei defibrillatori e dei riconoscimenti, che ha visto vicini i volontari e le persone che grazie al loro intervento sono state salvate.

L’ELENCO DEI PREMIATI

Si è cominciato con la consegna di 5 defibrillatori (alla stazione dei carabinieri di Cortemaggiore da parte dell’Avis Besenzone, consegna all’impiano sportivo da Domenico Parrello presidente Fidal, consegna Dae a un impianto sportivo grazie al ricavato dell “feste del Gigi”, Daniele Zermani dona un Dae – defibrillatore automatico esterno – per un taxi di Piacenza, che verrà inserito nella rete di Progetto Vita, primo taxi in Italia a disporre di questo strumento)

Le primissime premiazioni hanno avuto per protagonisti questore Calogero Germanà, i comandanti provinciali dei carabinieri Paolo Rota Gelpi, della guardia di finanza Maurizio De Panfilis, della polizia municipale Renza Malchiodi, dei vigili del fuoco Francesco Martino, della polizia stradale Mabj Bosco e della polizia provinciale Angelo Lanza.

Premi sono stati poi attribuiti a Massimo Fornaciari e Francesco Carini, ai militi della pubblica Assistenza Valtidone Claudio Brizzolari e Nicoletta Bianchi, ai vigili del fuoco Pier Luigi Pezzini, Fabio Giovannelli, Pieluigi Pozzi, Stefano Di Pietro, Simona Molinelli, agli operatori del 118 Carla Boselli e Fabio Mozzarelli; ai militi di Cri Franco Gozzi e Michele Gorrini e all’operatrice del 118 Monica Merli per il soccorso a Gian Pietro Ferrari; ai militi della Cri Gabriele Salvini e Camillo Barbieri e agli operatori del 118 Cristina Alberti e Emanuela Sala; alla volontaria della Croce Bianca Cristina Bolzoni e ai militi della Cri Michele Pagani, Stefano Chiappa e Fiorenza Loccardi; a Valentina Pelizzoni, Giacomo Arselli e Vincenzo Ollio; alla pattuglia della polizia municipale composta da Flavio Grassi e Francesco Vommaro, ai militi della Croce Bianca Alberica Barattieri e Alessandro Vitali.

Tra i premiati anche gli equipaggi del 118 composti da Davide Rivi, Federica Caron, Andrea Santi, Antonella Bego, Gino Bosi, Renzo Donzelli, Massimo Vaga, Claudio Marchini, Lanfranco Morelli, Sabrina Brugna, Alessandra e Antonio Agosti, Francesco Carini, Raffaele Donzelli, Antonio Cavanna, Roberto Costa, Davide Raggi e Paolo Metti.

Altri riconoscimenti infine  sono andati a Gabriele Valorosi della Cri, al comandante Paolo Giovannini, ai carabinieri di Pianello Michele Piscitelli e Carlo Alberto Benvenuto, oltre che a Vittorio Travini e Marco Bergonzi; il premio “Cavalieri del cuore” è stato consegnato a Domenico Parrello, Michele Colasanto e Giovanna Mariotti della Polizia, mentre volontari dell’anno sono stati Mauro Cordani e Arturo Marchionni.

Nel primo pomeriggio Lorella Cuccarini ha partecipato alla consegna del defibrillatore alla scuola elementare di Sant’Antonio A LATO IL FOTOSERVIZIO

LEGGI L’ARTICOLO “Festa del cuore a palazzo Gotico, arriva Lorella Cuccarini” 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.