Quantcast

Buona cucina e divertimento. Successo per la Notte di Pinta FOTO foto

Successo per la "Notte di Pinta" andata in scena nel cuore di Castel San Giovanni, sabato 13 luglio. Promossa dalla Pro Loco, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale, la manifestazione è stata caratterizzata da quattro vere e proprie oasi culinarie dedicate a quattro nazioni europee, collocate in punti strategici del capoluogo della Val Tidone, in nome della fratellanza e dell’unione tra i popoli

Più informazioni su

Scorrono le birre a rinfrescare la calda notte di Castel San Giovanni, resa rovente dagli spettacoli degli artisti di strada, che hanno animato il centro storico della cittadina della Val Tidone in occasione della terza edizione di Notte di Pinta. La manifestazione, dedicata al divertimento, al buon mangiare e, appunto, alla birra ha colto ancora una volta nel segno: la Pro Loco di Castel San Giovanni, organizzatrice dell’evento in collaborazione con l’Amministrazione comunale, ha confezionato una notte indimenticabile che ha saputo coinvolgere le migliaia di persone che si sono riversate nelle strade.

Dal tardo pomeriggio, ad ogni angolo del centro storico, hanno iniziato ad alternarsi gli spettacoli dei buskers, quest’anno come non mai protagonisti dell’evento, e, mentre le cucine allestite dalla Pro Loco iniziavano a sfornare prelibatezze culinarie, in Piazza XX Settembre ha avuto il via ufficialmente la kermesse in uno spettacolo di coriandoli colorati. “E’ una splendida manifestazione – hanno confermato Massimo Bollati e Valentina Stragliati, Assessori del Comune di Castel San Giovanni presenti all’inaugurazione insieme ai rappresentanti della Pro Loco, Marianna Coiro e Nadia Ablondi  –  che  contribuisce ad animare il centro storico e a rallegrare tutti i visitatori. Complimenti, quindi, a tutti coloro che contribuiscono a rendere questo uno degli eventi più attesi della estate castellana”.

Come ormai da tradizione, quattro sono state le isole in cui è stato suddiviso il centro storico, ognuna dedicata a uno Stato europeo. Mentre Corso Matteotti fino a Via Mazzini è stato conquistato dalla Germania, con le birre tedesche servite dagli esercizi pubblici della zona e lo stinco con le patate preparato dalla Pro Loco, in Piazza XX Settembre si sono confrontate Inghilterra e Italia. McDouglas Celtic, rossa e bionda, accompagnavano le tradizionali fish and chips degli inglesi, mentre per l’Italia ha goduto di uno strepitoso successo la piacentinissima burtleina, con la birra artigianale Pedavena e la Dolomiti Pils.

L’ultimo stand della Pro Loco, allestito nella zona di San Rocco alla fine di un nutrito serpentone di bancarelle di espositori creativi, è stato dedicato al Belgio: immancabili, quindi, le moules con patatine fritte, particolarmente apprezzate dai numerosi avventori.

Seduti ai tavoli o con una birra in mano, il pubblico si è fatto rapire dal fascinoso mondo dei buskers, dalle azzardate evoluzioni sui monocicli agli spettacoli con le torce o con le bolle di sapone, alle numerose e variegate esibizioni musicali, anche in acustico, che hanno tenuto accesa Castel San Giovanni per una indimenticabile Notte di Pinta. 
“Siamo molto soddisfatti del successo anche di quest’anno – ha commentato il Presidente della Pro Loco Sergio Bertaccini a fine serata – Mi corre l’obbligo ringraziare tutti i volontari che hanno permesso la realizzazione di questo evento, l’Amministrazione comunale e gli esercizi pubblici che hanno contribuito. Ci auguriamo di avere regalato una serata di allegria e divertimento a Castel San Giovanni, promuovendo il nostro territorio come si propone sempre di fare il nostro sodalizio”.

***
 

Successo per la “Notte di Pinta” andata in scena nel cuore di Castel San Giovanni, sabato 13 luglio. Promossa dalla Pro Loco, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale, la manifestazione è stata caratterizzata da quattro vere e proprie oasi culinarie dedicate a quattro nazioni europee, collocate in punti strategici del capoluogo della Val Tidone, in nome della fratellanza e dell’unione tra i popoli.

Lungo Corso Matteotti ha trovato spazio l’angolo della Germania (le cucine hanno sfornato stinco e patate, innaffiati dalle birre teutoniche spillate in collaborazione con gli esercizi pubblici della zona); nella zona di San Rocco a farla da padrone di casa è stato il Belgio (con mules e frites e una selezione delle migliori birre locali). Su Piazza XX Settembre, invece, si sono confrontate a colpi di prodotti tipici Gran Bretagna e Italia (per gli inglesi, oltre alle birre d’Oltremanica, il tradizionale fish and chips che abbina pesce e patate fritte, mentre l’Italia risponderà con la piacentinissima burtleina e con la birra Pedavena).

Ad unire le quattro oasi culinarie e a rendere la città un immenso palcoscenico a cielo sono stati i numerosi artisti di strada che, dal pomeriggio fino a notte, hanno acceso gli angoli del centro storico con musica, giochi di prestigio, equilibrismo e tanta simpatia. Sulla piazza XX Settembre sarà inoltre è stato allestito un mercatino di espositori di opere creative.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.