Quantcast

Coldiretti, una rete di imprese per esportare il Grana

Una rete di imprese per esportare il Grana Padano. Sarà questo il tema dell’incontro di mercoledì 24 luglio alle ore 10.30 in Camera di Commercio, in cui Coldiretti Piacenza presenterà
“La filiera di eccellenza del Grana Padano piacentino per l’esportazione”.

Più informazioni su

COLDIRETTI, UNA RETE DI IMPRESE PER ESPORTARE IL GRANA PADANO

“La filiera di eccellenza del Grana Padano piacentino per l’esportazione” sarà presentata 24 luglio alle ore 10.30 in Camera di Commercio

Una rete di imprese per esportare il Grana Padano. Sarà questo il tema dell’incontro di mercoledì 24 luglio alle ore 10.30 in Camera di Commercio, in cui Coldiretti Piacenza presenterà
“La filiera di eccellenza del Grana Padano piacentino per l’esportazione”.

“Abbiamo promosso questa iniziativa, sottolinea il presidente di Coldiretti Piacenza Luigi Bisi iniziando proprio dal Grana Padano, il formaggio dop più conosciuto al mondo, un prodotto che negli ultimi 15 anni ha visto l’export passare da poco più di 350 mila forme a 1.330.000; e Piacenza, unica provincia in Emilia Romagna a produrre Grana Padano, l’11% della produzione totale”.
“Abbiamo pertanto ritenuto, prosegue Bisi, che dovevamo iniziare proprio da questo prodotto e da quelle aziende che credevano nei nostri principi anche nel percorso di export. Come ha sottolineato il nostro presidente nazionale Sergio Marini durante l’assemblea a Roma, da anni si parla di internazionalizzare le imprese facendo massa critica ma se il modello di sviluppo vincente è quello di portare le diversità e le unicità che caratterizzano il nostro Made in Italy nel mondo allora è evidente che dobbiamo sostituire per prima cosa il termine di massa critica con quello di rete di imprese e quello di piattaforma logistica con quello di piattaforma leggera. Tutte le istituzioni preposte, dovranno adeguare le proprie funzioni per accompagnare l’Italia verso questa efficace forma di internazionalizzazione”.

“Con tale progetto abbiamo proprio l’ambizione di iniziare questo percorso, ribadisce il Presidente; ovviamente non è semplice, ma se vogliamo effettivamente fare qualcosa per il nostro territorio dobbiamo mettere in campo tutte le nostre capacità di fare sistema. Ma soprattutto come ha più volte ripetuto Marini serve coraggio. Il coraggio di prendere iniziative e di portarle avanti per il bene del territorio”.
“Con questa rete di imprese, chiarisce il direttore di Coldiretti Piacenza Massimo Albano vogliamo promuovere il Grana Padano Piacentino sui mercati internazionali per migliorarne la diffusione e soprattutto per valorizzare il territorio; la rete di imprese che si costituirà vuole essere uno strumento flessibile che consentirà anche ai piccoli caseifici della nostra provincia di uscire dai confini locali e dai meccanismi che spesso portano ad avere prezzi non remunerativi; inoltre attraverso questo prodotto certificato si intende altresì combattere il fenomeno della contraffazione smascherando i tanti falsi grana che ci sono sui mercati”.

“Ovviamente conclude Albano, non si tratta di un progetto chiuso, ma assolutamente aperto a tutti coloro che credono nel territorio. In ogni pubblico incontro si parla della necessità di “fare sistema”.. ecco questa è l’occasione per dimostrare che davvero il territorio piacentino ha il coraggio, grazie ad “un’eccellenza agroalimentare” e per il bene della intera società di mettere da parte gli individualismi e pensare al bene collettivo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.