Quantcast

“Expo 2015 occasione di marketing in collaborazione con le scuole”. La proposta di Pollastri (Pdl)

L'Expo 2015 occasione per far marketing anche presso le scuole italiane ed estere e far conoscere la Provincia di Piacenza: è la proposta che Andrea Pollastri (PdL) fa attraverso un’interpellanza diretta agli Assessorati che dirigono i lavori della Consulta Regionale messa in piedi per preparare il grande evento milanese.

Più informazioni su

Intervento del consigliere regionale Pdl Andrea Pollastri

L’Expo 2015 occasione per far marketing anche presso le scuole italiane ed estere e far conoscere la Provincia di Piacenza: è la proposta che Andrea Pollastri (PdL) fa attraverso un’interpellanza diretta agli Assessorati che dirigono i lavori della Consulta Regionale messa in piedi per preparare il grande evento milanese.

“Esso – scrive l’azzurro – sarà incentrato sui temi dell’alimentazione, del cibo e dell’agricoltura e sugli aspetti economici, biologici, nutrizionistici, chimici, socio-politici che ad essi fanno riferimento: la pluralità delle tematiche coinvolte lo rende di sicuro interesse anche per gli studenti delle scuole di ogni ordine, soprattutto gli Istituti Agrari ed Alberghieri, e delle Università, nazionali ed internazionali.”
 
“L’Expo – prosegue – si configura non solo come un importante luogo da far vistare agli studenti, ma anche come un’occasione di scambio tra le scuole e per la creazione di sinergie dirette alla valorizzazione del territorio.”
 
Un esempio? L’Emilia-Romagna, terra vocata all’agricoltura, all’industria agroalimentare, alla produzione di cibi di altissima qualità e alla ricerca nel campo agronomico-nutrizionistico ed agroindustriale: un luogo ideale in cui accogliere scuole ed Università provenienti da altre Regioni o Paesi per far scambi coi nostri Istituti e per vistare, direttamente sul campo, i luoghi di produzione delle materie prime e degli alimenti, i sapori, coi territori ad essi collegati, i centri di ricerca, le fiere e gli eventi di settore e tutto ciò che è strettamente connesso a quanto si può vedere direttamente all’interno ai padiglioni di Expo.
 
“Ma c’è di più – sostiene Pollastri -: vi può essere anche al possibilità di favorire la mobilità, l’interscambio e la conoscenza tra scuole ed Università provenienti da parti diverse della nostra Regione, dove vi sono produzioni tipiche tra loro differenti.” “Invito la Giunta Regionale – chiosa – unitamente alla Consulta Regionale per L’Expo a lavorare anche su queste forme di turismo culturale e della formazione, creando progetti legati alla promozione dell’Emilia-Romagna, delle sue realtà produttive, espositive, di ricerca e delle sue Scuole ed Università, diretti agli studenti di altre Regioni o Paesi da contattare nei mesi che precedono l’EXPO o direttamente durante la manifestazione.
 
Chiedo altresì se si intenda favorire la mobilità, l’interscambio e la conoscenza reciproca tra Scuole ed Università interne all’Emilia-Romagna.”
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.