Quantcast

Festival Illica, a Castellarquato tutto pronto per Il Trovatore

I vicoli di Castell’Arquato, paese di Luigi Illica e del Festival a lui dedicato, risuonano delle melodie di Verdi, mentre continuano i preparativi per l’opera Il Trovatore che va in scena sabato 20 luglio alle ore 21 nella splendida piazza del Municipio.

Più informazioni su

I vicoli di Castell’Arquato, paese di Luigi Illica e del Festival a lui dedicato, risuonano delle melodie di Verdi, mentre continuano i preparativi per l’opera Il Trovatore che va in scena sabato 20 luglio alle ore 21 nella splendida piazza del Municipio.
 
I giovani professionisti della lirica che interpreteranno i ruoli principali provengono da Russia, Perù, Venezuela, Colombia oltre che dall’Italia, e sono affiancati dall’Orchestra Filarmonica Italiana e dalla Corale di Fiorenzuola, che lavora con impegno ed entusiasmo.
 
La Proloco di Castell’Arquato si avvale dei bei costumi realistici di Rivivere il Medioevo, accompagnati  da armi realizzate appositamente seguendo disegni d’epoca, e da un esercito di “soldati del ‘400” vestiti con la collaborazione della Corale.
 
La regia è affidata al veterano Rolando Panerai: con una gloriosa carriera durata 67 anni e fitta di 150 ruoli sostenuti in teatro e 120 opere registrate tra film e dischi, si è dedicato negli ultimi anni alla regia, con produzioni di Butterfly, La Traviata, La Bohème e ultimamente Gianni Schicchi, Il Campanello di Donizetti e Rigoletto al Teatro Carlo Felice di Genova. 
 
Panerai, un cantante che ha registrato Il trovatore sia agli inizi della carriera con il leggendario tenore Giacomo Lauri Volpi che più tardi con Maria Callas e Giuseppe Di Stefano sotto la bacchetta di Von Karajan, trasmette la sua preziosa esperienza della partitura al cast di giovani.
 
Nei panni dell’eroina Leonora ci sarà il soprano russo Ekaterina Gaidanskaya, che ha conquistato il premio “Voce Pucciniana” del Concorso Illica 2012. Vincitrice dei Concorsi “Anita Cerquetti” e “Voce Canto Lirico”, parteciperà alla diretta RAI dal Festival di Castrocaro venerdì, prima di salire in scena sabato sera a Castell’Arquato. Azucena è Cinzia Charini, mezzosoprano finalista del Concorso Illica 2012 e vincitrice di ASLICO mentre Manrico è il tenore peruviano Andrès Veramendi, già protagonista ne La Bohème nel 2011. Il Conte di Luna è Pedro Carrillo, che ha partecipato al 1° Concorso Illica e che nel frattempo ha brillato in diversi ruoli nei teatri spagnoli.
 
La bacchetta è affidata al giovane astro del mondo direttoriale Valerio Galli, già alle prese con titoli come Tosca, Bohème, Turandot e Butterfly al Festival Puccini di Torre de Lago e applaudito in Festival come Santander in Spagna e Daegu in Corea. Ha al suo attivo una sfilza di titoli verdiani: La Traviata, Rigoletto, Un ballo in Maschera, La forza del destino e, appunto, Il Trovatore.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.