Quantcast

Irlanda in Musica, a Bobbio arrivano i Flook di Sarah Allen

Sarah Allen e gli altri tre musicisti che compongono i Flook arrivano dall’Irlanda e dall’Inghilterra; la loro storia comune inizia una ventina di anni fa. Proprio la flautista è stata tra i fondatori della band

Più informazioni su

Dopo il doppio concerto-evento che ha riportato a Bobbio il gaitero asturiano Hevia, per la seconda serata di Irlanda in Musica si approda sull’Isola di Smeraldo con i Flook. Da anni la Fedro scs, che ha la direzione artistica della rassegna, li sta inseguendo, lo scorso anno c’è mancato poco, ma questa volta Sarah Allen e i suoi arriveranno davvero in Piazza San Colombano per un concerto che resterà tra gli highlights di tutte le sedici edizioni di Irlanda in Musica.

Organizzata dal Comune di Bobbio con la direzione artistica della già citata Fedro scs, il prezioso supporto della Provincia di Piacenza ed il sostegno della Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza, Irlanda in Musica proseguirà anche il prossimo week end con ben tre serate di musica live (che si potrà anche ballare, dal momento che in Piazza San Colombano verrà allestita una pista da ballo), specialità gastronomiche ispirate alla cucina Irish ma realizzate con prodotti a km zero, birre irlandesi d’importazione e per finire un’intera giornata -quella di domenica 14- di sessions live in acustico per le vie di Bobbio.

Il live dei Flook a Bobbio prenderà il via intorno alle 21:30, dopo i saluti di rito, e riempirà la piazza di tutte le vibrazioni e le suggestioni di secoli di storia e cultura: il potere evocativo della musica. Sarah Allen e gli altri tre musicisti che compongono i Flook arrivano dall’Irlanda e dall’Inghilterra; la loro storia comune inizia una ventina di anni fa. Proprio la flautista è stata tra i fondatori della band.

Sebbene la loro prima uscita discografica, Flook!Live! (1997), sia già stata allora salutata come “l’album definitivo del flauto moderno” dall’Irish Times, i Flook fanno il loro ingresso vero e proprio sulla scena internazionale col primo album di studio, Flatfish, del 1999. Un disco che vede l’ingresso in formazione del maestro del bodhran John Joe Kelly, che va ad aggiungersi ai flautisti Brian Finnegan e Sarah Allen e al chitarrista Ed Boyd. Flatfish viene salutato come “impressionante”, “notevole” e “qualcosa di vicino al miracoloso”, ma sono le esibizioni live quelle che realmente catturano i cuori di chi li può guardare e ascoltare. Il rapporto che lega i quattro musicisti, la sincera soddisfazione che ottengono col suonare insieme, risultano subito evidenti sia agli occhi del pubblico che a quelli della critica.

Il disco successivo, Rubai, esce nel 2002 e ottiene la nomination da parte della BBC quale ‘Album Folk dell’anno’; universalmente applaudito tanto dai giornalisti che dagli amici musicisti, rafforza ulteriormente la reputazione dei Flook come una delle band più eccitanti e innovative della scena folk angloirlandese. Nel 2005 i Flook compiono dieci anni, e festeggiano l’anniversario con dieci speciali concerti in tutte le Isole Britanniche e con l’uscita dell’atteso terzo album di studio, Haven, sempre per la loro etichetta Flatfish, che viene nominato “Album strumentale dell’anno” da Liveireland.com. I Flook si aggiudicano il titolo di ‘Miglior Gruppo dell’anno’ per il 2006 ai BBC Folk Awards.

Proprio quando stanno ottenendo un successo travolgente in tutto il mondo, e i loro tour senza sosta continuano a farli conoscere ovunque e ad allargare la già nutrita schiera dei fans, la band nel 2008 si impone una sosta, con Sarah Allen che lascia la scena per dedicarsi alla maternità e gli altri musicisti che continuano la propria attività in svariate formazioni. Ora che le due figlie hanno qualche anno in più il quartetto torna al completo, e la ricostituita band si ripresenta in splendida forma alle platee di tutto il mondo.

Verso la fine del 2012 i Flook hanno intrapreso una tournée mondiale che li ha portati dal Sud America al Canada, dal Nord Africa all’Oriente. La tappa di Bobbio, una delle ultime di questo tour che si chiuderà in agosto proprio in Irlanda, rischia di essere un’occasione irripetibile: durante diversi show, Sarah ha ironizzato con il pubblico sul fatto che questo tour potrebbe essere stato per i Flook l’ultimo ruggito prima di esalare l’ultimo respiro… I fan stanno incrociando le dita, sperando che invece la band torni in studio di registrazione in autunno, ma per sicurezza, meglio non perdersi il live di sabato 6 luglio in Piazza San Colombano.


Tutti i concerti di Irlanda in Musica 2013 inizieranno alle 21:30. I biglietti per assistervi potranno essere acquistati alle casse poste all’ingresso di Piazza San Colombano a partire dalle ore 19:30. Dalla stessa ora sarà possibile accedere alla piazza ed agli stand gastronomici che proporranno, tra le altre cose, alcuni piatti di ispirazione Irish e birre d’importazione. Quest’anno, come già era avvenuto lo scorso anno, la ristorazione è stata affidata a professionisti capaci che da anni operano sul nostro territorio e che quindi hanno dato la precedenza non solo alla qualità dei prodotti offerti, ma hanno saputo ricercare l’eccellenza nelle produzioni locali: pane, salumi, carni, vini, acque e tutti i piatti che saranno proposti ad Irlanda in Musica saranno rigorosamente a Km Zero. Tale scelta, che ha comportato un notevole impegno ed uno sforzo congiunto tra varie realtà, si colloca in un’ottica di marketing territoriale: valorizzare Piacenza e tutta la sua provincia anche grazie alle eccellenze eno gastronomiche che si ritrovano nelle nostre vallate
.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.