Quantcast

No alle biomasse a Bettola, già 1600 firme foto

Nelle mattine di Sabato e Lunedì, in piazza Colombo a Bettola, è allestito un banchetto informativo presso il quale è possibile avere informazioni circa il progetto di centrale a biomassa presentato

Più informazioni su

COMITATO CONTRO LA REALIZZAZIONE DI CENTRALI A BIOMASSA A BETTOLA

BANCHETTO. A partire dal 13 Luglio, nelle mattine di Sabato e Lunedì, in piazza Colombo a Bettola, è allestito un banchetto informativo presso il quale è possibile avere informazioni circa il progetto di centrale a biomassa presentato e all’attività del Comitato a cui è anche possibile aderire compilando gli appositi moduli messi a disposizione. Sono già oltre 240 le adesioni al momento raccolte.

Continua inoltre, presso il banchetto, la raccolta firme contro la realizzazione dell’impianto che sono oltre 1600. Sabato scorso, 20 luglio, al banchetto hanno partecipato i bambini dell’ asilo ed elementari che hanno decorato il gazebo con splendidi disegni a tema.

Martedì 17 Luglio si è tenuto un incontro informale in Municipio tra l’Amministrazione Comunale e le portavoce del Comitato. Comunicato ufficiale

Martedì 17 Luglio si è tenuto un incontro informale in Municipio tra l’Amministrazione Comunale e le portavoce del Comitato.
Il Comitato ha chiarito di non essere contro l’Amministrazione e neppure contro le biomasse in genere, ma di essere contro questo specifico progetto che non ha una sostenibilità ambientale ed economica, che risulta privo di una filiera locale in cui inserirsi e che avrebbe delle ripercussioni negative nelle produzioni agroalimentari di qualità e nella presenza turistica – residenziale di quella ormai nota come Natural Valley (come già anche sostenuto da Coldiretti, da Agripiace e dai Comunelli dell’Alta Valnure).
E’ stata informata l’Amministrazione che nei prossimi giorni verranno depositati i risultati fin’ora ottenuti con la raccolta firme, che queste ammontano a 1.600 e che tale raccolta resterà comunque ancora aperta.

Il Comitato ha chiesto all’Amministrazione una presa di posizione netta e l’esplicita adesione al Comitato stesso. Gli Amministratori hanno risposto che faranno di tutto per bloccare questo progetto nei limiti consentiti dalle normative e dalle procedure del caso.
Al di sopra di tutto ciò, il Sindaco si dovrà assumere la responsabilità di farsi portavoce del dissenso della popolazione chiaramente e legittimamente manifestato, di tutelare la salute dei cittadini e dello sviluppo economico del territorio.

Il Sindaco ha più volte portato l’attenzione sulle opportunità offerte dall’adesione al Patto dei Sindaci da cui dovrebbe scaturire la realizzazione di un Piano Energetico conforme al protocollo di Kyoto e all’interno del quale saranno riportate anche linee guida e prescrizioni per insediamenti del tipo di quello proposto in loc. Boccacci di Roncovero. A noi Comitato ciò sta bene ma il problema su questo impianto, il cui iter è già iniziato, resta e per noi è questa la problematica principale e più imminente a cui occorre porre rimedio.

Avremmo preferito qualche garanzia in più, ad esempio che venisse sottoscritta anche dagli Amministratori l’adesione al Comitato. Se la posizione dell’Amministrazione si rivelerà essere fortemente contraria, come lasciato intendere, saremo disponibili a collaborare per raggiungere l’obiettivo comune. Resta fermo il fatto che continueremo comunque sulla nostra strada indipendentemente dai tempi che vorranno prendersi l’Amministrazione e la Società proponente per tutelare la nostra salute e il nostro territorio. Se invece gli Amministratori non si dimostrassero decisi saremo pronti a far valere i diritti di tutti i cittadini che hanno espresso la loro contrarietà tramite la raccolta firme e faremo in modo di metterle a frutto. Secondo noi oltre alla valutazione tecnica del progetto è necessaria una valutazione politica che tenga conto delle ricadute sulla comunità locale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.