Quantcast

Piroli e Fiazza: “La festa Pd si farà”. Cisini: “Serve nuovo format” foto

Riceviamo e pubblichiamo la dichiarazione di Giulia Piroli, presidente dell’assemblea provinciale del Partito Democratico di Piacenza e di Christian Fiazza, segretario cittadino in relazione all’organizzazione della festa del Pd

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo la dichiarazione di Giulia Piroli, presidente dell’assemblea provinciale del Partito Democratico di Piacenza e di Christian Fiazza, segretario cittadino in relazione all’organizzazione della festa del Pd. A seguire l’intervento di Giorgio Cisini, organizzatore delle ultime edizioni.

Piroli e Fiazza: “La Festa cittadina del Partito Democratico di Piacenza si farà”

La Festa del Partito Democratico è un evento ormai tradizionale dell’estate piacentina e dunque anche quest’anno verrà fatta.
Lunedì 8 luglio, durante la Direzione Provinciale del Partito ne discuteremo per poi convocare, nei giorni successivi, un’Assemblea Cittadina alla quale speriamo partecipino tutti gli iscritti, gli elettori e i simpatizzanti Pd che vorranno dare una mano alla riuscita della Festa.

Organizzeremo dunque anche quest’anno la Festa Pd della città di Piacenza perché fa parte della nostra tradizione e delle nostre origini. Siamo nati anche dalle Feste e oggi più che mai è importante dare un segnale di continuità e rassicurare chi si domanda dove andiamo. Andiamo verso il futuro avendo ben salde le nostre radici quali ad esempio le feste di Partito.

Ci spingiamo tranquillamente a dire che il Pd è l’unico Partito a livello nazionale, come a livello locale, in grado di fare feste popolari dove si sta insieme, si mangia bene e a prezzi economici e si discute di politica unendo generazioni diverse e opinioni diverse.

Cogliamo infine l’occasione per ringraziare Giorgio Cisini per l’impegno profuso negli scorsi anni nella gestione di questo evento da lui stesso fatto crescere; comprendiamo peraltro come il gravoso ruolo di Presidente Acer non gli possa permettere, con la creatività unanimemente riconosciutagli, di organizzarla ancora.

Siamo peraltro certi che non mancherà di fornirci il suo sostegno e consiglio durante le settimane che ci separano dalla Festa di Piacenza Democratica 2013, per rendere questo evento un successo tale a quelli ottenuti con il suo grande impegno.

Christian Fiazza Segr. Pd della Città di Piacenza
Giulia Piroli Presidente Assemblea Provinciale di Piacenza del Pd

CISINI: UN NUOVO FORMAT PER LA FESTA DEL PARTITO DEMOCRATICO

Sinceramente commosso per l’attestato di stima espresso nel comunicato stampa degli amici, prima ancora che colleghi, del Partito Democratico, confermo l’impegno per sostenere la prossima sfida del partito sul territorio. Il mio contributo arriva proprio dalla mia attuale esperienza di presidente Acer che mi ha consentito, in oltre un anno, di ascoltare e toccare con mano le difficolta oggettive che vive una larga fascia della popolazione da una parte alle prese con gli effetti di una crisi economica che costringe le famiglie a bilanci quotidiani troppo spesso insufficienti per vivere una vita dignitosa; dall’altra spesso smarrita per uno scenario politico cui non si sente piu di appartenere.

E’ chiaro a tutti che, in tempi di così grave e difusa crisi, i vecchi modelli non reggono più, a rischio di trovarsi assolutamente fuori sintonia con il sentire comune di chi questa crisi la sta vivendo pesantemente e sulla propria pelle. Serve una nuova visione, una nuova energia per fare sì che la festa sia un momento di presa di coscienza del ruolo del Pd: essere concretamente al fianco di chi cerca di reagire al disagio di un momento sociale ed economico da cui dobbiamo assolutamente uscire. Ecco perché “tortello e ballo liscio” rischiano di apparire il simbolo di chi ancora fatica a capire l’urgenza di una situazione che al “fare” richiede anche l’affiancamento del “pensare” a una nuova concretezza della politica. Serve il contributo di idee da parte di tutti per realizzare un nuovo format finalizzato ad aiutare concretamente chi ha bisogno e che si traduca in azioni a favore delle famiglie in difficoltà. Sono certo che chi si sta attivamente occupando della manifestazione di quest’anno ha perfettamente compreso la necessità di attuare questa svolta. Solo così si potra continuare in quel percorso di innovazione iniziato cinque anni fa e che, come ampiamente riconosciuto, ha saputo fare la differenza nel nostro territorio.

Giorgio Cisini

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.