Quantcast

Prende il via Pink Route, itinerari turistici piacentini tutti al femminile

il progetto consiste nella valorizzazione delle imprese locali attraverso il territorio, o meglio valorizzare il territorio attraverso i suoi mestieri, le sue attività commerciali, le sue tipicità, i prodotti, i saperi artigianali, i servizi che sa offrire, le peculiarità enogastronomiche, il tutto orientato all’attività esperienziale

Si è svolta in mattinata presso la sala Consiglio della Camera di Commercio di Piacenza la conferenza stampa di presentazione del tanto atteso progetto “Pink Route Itinerari Turistici non Convenzionali” ideato dal Comitato per la promozione dell’Imprenditorialità femminile della Provincia di Piacenza, un organo in seno alla Camera di Commercio.

Il Comitato si propone come veicolo di azioni e iniziative che promuovano o sostengano l’imprenditorialità e l’impresa femminile. L’attuale comitato ha un nome e un volto, o meglio, ha 7 nomi e 7 volti: Nicoletta Corvi (Presidente), Alessandra Tampellini, Loretta Rossetti, Federica Melodi, Paola Rossi, Federica Bussandri e Consuelo Sartori. 7 donne lavoratrici che rappresentano anche una categoria economica (artigianato, cooperazione, agricoltura, credito, industria, lavoro). Inoltre il comitato è supportato in questa iniziativa dalla dottoressa Cristina Cunico della Camera di Commercio.

Oltre alle componenti del Comitato alla conferenza stampa ha preso parte la Dottoressa Valeria Benaglia di Mood eventi e comunicazione, l’agenzia che si è occupata della creazione dei pacchetti, della gestione del sito internet e che avrà un ruolo fondamentale nella commercializzazione dei pacchetti turistici. Come emerso dalla conferenza il progetto consiste nella valorizzazione delle imprese locali attraverso il territorio, o meglio valorizzare il territorio attraverso i suoi mestieri, le sue attività commerciali, le sue tipicità, i prodotti, i saperi artigianali, i servizi che sa offrire, le peculiarità enogastronomiche, il tutto orientato all’attività esperienziale. Inserire la cultura delle nostre professioni, dei nostri prodotti e delle nostre aziende, in mezzo all’arte, all’architettura, alla storia e alla bellezza dei luoghi piacentini.
Il progetto si traduce nella costruzione di circuiti turistici esperienziali, nati grazie ad una rete di imprese. Imprese che hanno unito le forze in vista di uno scopo comune: reagire alla crisi innovandosi ed evolvendo.

Gli otto pacchetti Pink Route che al momento coinvolgono tre vallate piacentine (Val d’Arda, Val Nure e Val Tidone) si rivolgono ad un turismo non di massa e proprio come dice il nome stesso offrono “itinerari turistici non convenzionali” che coinvolgono al momento 27 aziende piacentine e ruotano attorno a 4 tematiche: arti, colori, mestieri e sapori. Fra le attività dei pacchetti troviamo: visite nei laboratori artigianali, corsi itineranti, laboratori di animazione per i bambini, passeggiate a contatto con la natura, scoperta delle specialità eno-gastronomiche della zona.

Si tratta di pacchetti turistici esperienziali che daranno, cioè, modo ai turisti di vivere un’esperienza: partecipare ai processi di produzione, conoscere e toccare con mano le tradizioni culinarie, artigianali, commerciali della nostra cultura piacentina, improvvisarsi anche solo per un giorno artigiano,commerciante, produttore. Un diverso modo di vivere “da turisti” il territorio ed il tessuto sociale. I pacchetti turistici saranno commercializzati dal tour operator Viaggi dello Zodiaco.

Come ha ribadito più volte durante la conferenza la presidente del Comitato Nicoletta Corvi “L’obiettivo non è solo quello di proporre cultura, esperienza, territorio, tipicità della nostra provincia all’estero ma anche quello di creare una rete di cooperazione fra le aziende che hanno creduto nel progetto, infatti il primo compito del Comitato è quello di sostenere le imprese che hanno deciso di aderire all’iniziativa proprio in questo difficile momento sul piano economico”. Alessandra Tampellini ha voluto ringraziare le 27 aziende che credono nell’iniziativa e si stanno impegnando perchè il progetto dia i suoi frutti: L’Angolo Dolce e Salato di Lucia Lucchini, L’Angolo Calzature, Agriturismo La Canteina di Daniela Ferrari, Arteficio , Aurora Domus Coop. Sociale, Azienda vitivinicola e agrituristica L’Oca d’oro di Gianna Vitali, azienda agricola Baraccone, Azienda agricola Cà Bacchetta, Azienda agricola Marilena Borella, Azienda agricola Uccellaia, Azienda agricola Cà Milla di Camilla Rossi, Casa Morgana Coop. Sociale , Ciao Estate e Nord Est , Claudia Marchionni, Jute & Co. Italia srl di Sara Calderoni, Kinky art & repair di Francesca Rossi, La finestra sul Po, società agricola di Giulia Zangrandi, Lagoplast srl (Burgazzi e Periti), La Tollara società agricola SS, di Mariolina e Federica Bolzoni, Le Mani e la Luna SNC, Leura di Mitzi Bollani, L.E. Cuoche per Casa, L’oca irriverente sas – azienda agricola l’Esagono di Arola (Maria de Meo), Locanda Tavernago SAS di Monica Alfieri, Magistrali vini e mieli, Maria Teresa Artusi , SL Soluzioni di Luciana Tiramani.

La validità e importanza del progetto è stata messa in luce anche dall’Assessore all’ambiente e al lavoro del Comune di Piacenza Luigi Rabuffi il quale ha partecipato alla conferenza ed è rimasto piacevolmente colpito dell’impegno del comitato e delle aziende partecipanti a questo progetto “E’ un ottimo modo per far crescere il business delle imprese piacentine” ha ribadito l’assessore “ma anche un’iniziativa volta a far crescere il territorio mettendo in luce il valore aggiunto della nostra terra”.
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.