Quantcast

Processo Pertite, nessuna condanna dal Tribunale di Piacenza 

Nessuna condanna nel processo Pertite che vedeva come principale imputato il generale Giuliano Taddei. A deciderlo questa mattina in tribunale di Piacenza al termine di un lungo processo il collegio giudicante

Nessuna condanna nel processo Pertite che vedeva come principale imputato il generale Giuliano Taddei. A deciderlo questa mattina in tribunale di Piacenza al termine di un lungo processo il collegio giudicante composto dal presidente Italo Ghitti con Adele Savastano e Elena Stoppini a latere.

Taddei, ex direttore del Polo di Mantenimento Pesante, ed altri nove imputati erano accusati di vari reati legati alla creazione di una discarica abusiva nell’area militare dell’ex Pertite, alla periferia di Piacenza. Per il reato di danneggiamento militare non si è proceduto per intervenuta prescrizione; per quello di furto per mancanza di querela. Tutti gli imputati, i cui legali difensori avevano chiesto l’assoluzione, hanno sempre negato ogni addebito. L’inchiesta era scattata nel 2006 in seguito ad un esposto anonimo. Il Pm Antonio Colonna aveva chiesto al Tribunale due anni di reclusione per il generale Giuliano Taddei, ex direttore del Polo di mantenimento pesante nord di Piacenza, e per i due marescialli Bernardino Politi e Francesco Paonessa accusati del reato di danneggiamento militare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.