Quantcast

Questa sera torna la musica ai Giardini Margherita

Sarà di scena lo Stefano Sernagiotto Trio, formato da Stefano Sernagiotto (sax tenore), Luca Garlaschelli (contrabbasso) e Massimo Pintori (batteria)

Più informazioni su

Questa sera alle ore 21.30 per la rassegna “Musica ai Giardini” presso i Giardini Margherita di Piacenza organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Piacenza e  dal Comitato Arci Provinciale con il contributo della Fondazione di Piacenza e Vigevano si terrà il concerto dello Stefano Sernagiotto Trio, formato da Stefano Sernagiotto (sax tenore), Luca Garlaschelli (contrabbasso) e Massimo Pintori (batteria).

Si tratta della presentazione del cd “Tenor Exit” appena uscito in cui il sassofonista milanese omaggia due dei più grandi sassofonisti della storia della musica afroamericana: Sonny Rollins e John Coltrane attraverso le  loro composizioni e i brani da loro frequentati. Stefano Sernagiotto si sta imponendo come una delle voci più importanti del sassofono jazz italiano.

 
Stefano Sernagiotto: inizia giovanissimo lo studio del sax tenore sotto la guida dei maestri Michele Bozza e Micheal Rosen. Si distingue immediatamente per la grande facilità tecnica e per la qualità del suono. Si esibisce con gruppi di musica leggera come i Casino Royale ed i Vallanzaska. Comincia poi a collaborare con musicisti dell’area milanese come Ferdinando Faraò, Gendrickson Mena, Joel Holmes, Jacobs Cannon, Massimo Minardi, Tommaso Starace, Attilio Zanchi, Piero Odorici, ed altri. 

Luca Garlaschelli: nel luglio del 1989 consegue il diploma di contrabbasso ed inizio la collaborazione con il baritono Leo Nucci con il quale si esibisce al Teatro dell’Opera di Roma, al Teatro Sistina, al Dante Alighieri al Conservatorio di Zagabria a Sabbioneta; nel frattempo collabora nell’ambito della musica popolare con Moni Ovadia lavorando al Petruzzelli di Bari, al Teatro dei Filodrammatici di Milano, al Mama’s Theather di New York ed al Festival Internazionale del Cinema a Venezia.Per quello che riguarda il jazz ha collaborato con musicisti come Franco D’Andrea, Harold Land, Bruce Forman, Jimmy Cobb, Giulio Capiozzo, Tullio De Piscopo, Piero Bassini, Paolo Fresu, Tiziana Ghiglioni, Enrico Rava, Gaetano Liguori, Franco Cerri, Enrico Intra, Ettore Fioravanti, Antonello Salis, G.Luigi Trovesi ed altri. Ha effettuato tour con Steve Turrè (agosto ’91), con Bruce Forman (ottobre ’92, luglio ’93, ottobre ’94, luglio ’95, novembre ’98), con Jimmy Owens (luglio ’96, luglio ’98), con George Cables (febbraio ’99), Tony Scott (aprile ’98, agosto ’99).

Massimo Pintori: batterista di indiscussa esperienza frequenta dapprima i corsi di percussione in Conservatorio a Milano ed in seguito diventa batterista jazz studiando con Enrico Lucchini. Ha conquistato grande popolarità legando il suo nome alla carriera concertistica e
discografica di due illustri pianisti italiani: Piero Bassini e Arrigo Cappelletti. Si e’ esibito in vari importanti Jazz Festivals quali Umbria Jazz,
Clusone Jazz, Zurigo Jazz, Anversa Jazz.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.