Quantcast

Rapinò un coetaneo del cellulare, 15enne finisce in carcere

Sono scattate le manette ai polsi di un ragazzo di soli 15 anni accusato di aver aggredito e rapinato un coetaneo del telefono cellulare. Il fatto era accaduto nella notte tra il 17 e il 18 giugno scorsi a Piacenza nella zona della Farnesiana

Più informazioni su

Sono scattate le manette ai polsi di un ragazzo di soli 15 anni accusato di aver aggredito e rapinato un coetaneo del telefono cellulare. Il fatto era accaduto nella notte tra il 17 e il 18 giugno scorsi a Piacenza nella zona della Farnesiana: la vittima, un ragazzo piacentino, era stato avvicinato dal 15enne di origine albanese che lo aveva avvicinato e malmenato sottraendogli il telefono cellulare che aveva con sè.

Il minorenne, sulla base delle indicazioni fornite dalla vittima, era però stato rapidamente individuato e denunciato dai carabinieri. Ora, a seguito degli elementi raccolti nel corso delle indagini, il gip del tribunale dei minori di Bologna ha emesso nei suoi confronti una ordinanza di custodia e per il 15enne, con alle spalle già diversi precedenti e sottoposto lo scorso anno alla misura dell’obbligo di permanenza ai domiciliari sempre per rapina, si sono aperte le porte del carcere minorile del capoluogo emiliano. Nel corso della stessa indagine altri due giovani, uno dei quali trovato in possesso del cellulare rubato, erano stati denunciati a piede libero per ricettazione e concorso in ricettazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.