Quantcast

Biogas: “Autorizzazione illegittima, ci rivolgeremo alla Procura”

Torna alla carica il comitato che si oppone alla realizzazione di impianti a biomasse a Borgotrebbia : "Chiediamo al Sindaco di Piacenza l’immediato annullamento dell’autorizzazione illegittima rilasciata per l’impianto"

“Chiediamo al Sindaco di Piacenza l’immediato annullamento dell’autorizzazione illegittima rilasciata per l’impianto”. Torna alla carica il comitato che si oppone alla realizzazione di impianti a biomasse a Borgotrebbia. Dopo aver annunciato il ricorso al Tar e forti azioni di protesta, oggi si dice pronto ad una denuncia alla Procura della Repubblica “per violazione delle norme”.

“Rinnoviamo l’invito al Sindaco Dosi di non fare una scelta di natura politica – spiegano – ma  chiediamo al Primo cittadino di Piacenza di fare una scelta atta a garantire la  salute dei cittadini residenti nella nostra città, rispettando le leggi ma , soprattutto, facendole rispettare perché in sede di valutazione dell’autorizzazione dell’impianto a biogas sono stati adottati dei criteri per noi illegittimi, da parte degli enti preposti alla valutazione del progetto, sotto il profilo amministrativo ma soprattutto sotto il profilo giuridico”.

“Ci teniamo comunque a ribadire – proseguono – che il problema, e quindi la scelta del Sindaco Dosi, non riguarda solo Borgotrebbia ma tutta la città di Piacenza perché di essa noi facciamo parte. Intanto abbiamo protocollato una lettera con alcune integrazioni alla nostra diffida dello scorso 9 agosto, indirizzata, oltre che al sindaco Dosi, anche al presidente della Provincia Massimo Trespidi e al responsabile Arpa Giuseppe Biasini; vogliamo sollecitare l’attuazione della procedura di annullamento in autotutela dell’autorizzazione illegittima rilasciata”. (La lettera può essere consultata integralmente al seguente link)

Per il comitato, si legge nella lettera una struttura industriale “altamente inquinante, per la produzione di biogas ed energia elettrica, è incompatibile con la valorizzazione ed i fini istitutivi del Parco Regionale Fluviale del Trebbia”. “Inoltre l’articolo3, comma 2, lettera g della legge regionale sulla “riorganizzazione del sistema regionale delle aree protette e dei siti della rete Natura 2000″ prevede la valutazione di incidenza dei piani di competenza comunale nonché dei progetti e interventi approvati dalla Provincia e dal Comune e che interessano il territorio della Macroarea. Non si comprende come e se sia stata effettuata una positiva Valutazione di Incidenza in base all’art. di cui sopra”. “Per questo, concludono, chiediamo al Sindaco di Piacenza l’immediato annullamento dell’autorizzazione illegittima rilasciata”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.