Quantcast

Imprese giovanili, in Emilia in un anno perse 2mila aziende

Sono 35.142, l’8,3 per cento del totale. In un anno ne sono andate perdute 2.023, (-5,4 per cento). La contrazione più ampia per le ditte individuali (-1.693 unità), più intensa per le società di persone (-11,1 per cento). Crollo nelle costruzioni (-1.230), diminuzione forte nella manifattura (-268) e sensibile nel commercio (-166)

Più informazioni su

In Emilia-Romagna, al 30 giugno 2013 le imprese attive giovanili sono risultate 35.142, solo l’8,3 del totale delle aziende regionali. La crisi economica e la restrizione del credito continuano a incidere duramente. Rispetto alla stessa data dello scorso anno ne sono andate perdute 2.023 (-5,4 per cento). Nello stesso periodo in Italia le imprese giovanili hanno subito una contrazione meno ampia (-4,6 per cento) e sono 551.935, pari al 10,6 per cento del totale. È quanto si deduce dai dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio di fonte InfoCamere elaborati dal centro studi e ricerche di Unioncamere Emilia-Romagna.

La crisi ha ridotto le imprese giovanili in tutte le regioni italiane. Le flessioni più rilevanti si sono registrate in Sardegna (-7,1 per cento), Piemonte (-6,1 per cento), Marche e Toscana (-6,0 per cento in entrambe). La caduta è risultata più contenuta in Basilicata (-0,8 per cento), nel Lazio (-2,0 per cento) e in Valle d’Aosta (-2,5 per cento).


La forma giuridica

Le imprese giovanili sono costituite per la gran parte da ditte individuali, il 79,3 per cento, che comprendono una quota consistente di imprese cosiddette “marginali”, strutturalmente deboli e particolarmente soggette alla congiuntura negativa e alla disponibilità del credito. Infatti, la riduzione delle imprese giovanili è principalmente da attribuire alla loro pesante flessione (-1.693 unità, -6,7 per cento). La contrazione è stata però molto più intensa per le società di persone (-11,1 per cento, pari a 417 unità). Con un andamento opposto, le società di capitale hanno messo a segno un incremento del 2,6 per cento, mentre le cooperative e i consorzi sono leggermente diminuite (-0,2 per cento).


Settori di attività economica

La riduzione delle imprese giovanili è stata determinata soprattutto dal crollo nelle costruzioni (-1.230 unità, -10,9 per cento), un settore in grande difficoltà. Notevoli contributi sono poi venuti dal forte calo delle attività manifatturiere (-8,9 per cento, -268 unità) e dalla contrazione delle imprese del commercio (-166 unità, -1,9 per cento), che risente della debolezza dei consumi. L’ampiezza relativa della riduzione è stata notevole per le attività immobiliari (-13,9 per cento).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.