Quantcast

Province, Società Geografica: “Piacenza con Cremona e Parma” LA PROPOSTA foto

Creare un Distretto della media-bassa valle Padana, questa la proposta della Società Geografica Italiana che da tempo sta lavorando ad un’ipotesi di riordino territoriale

Più informazioni su

Una “fusione” tra le province di Piacenza, Parma, e Cremona per creare un Distretto della media-bassa valle Padana. E’ la proposta della Società Geografica Italiana che da tempo sta lavorando ad un’ipotesi di riordino territoriale che presto verrà presentato al Ministero per gli Affari Regionali e le Autonomie. Secondo tale studio l’Italia verrebbe divisa in 35/40 nuove regioni (vedi cartina) che andrebbero a sostituire le attuali province e confini regionali “per diventare i centri propulsori della gestione amministrativa e dello sviluppo in un rinnovato “patto di cittadinanza””.

La proposta di “Neoregionalismo”  – spiega spiega il Presidente della Società Geografica Italiana, Sergio Conti – parte da un importante studio del 1999 che già prevedeva un ridisegno dei confini regionali volto a snellire la macchina burocratica e amministrativa delle Province e delle Regioni, oltre che a rivedere il territorio secondo criteri geografici, demografici, culturali, infrastrutturali e sociali”.  “Le nuove regioni sarebbero il risultato di un’aggregazione intercomunale e non di un accorpamento delle province così come previsto dal ddl costituzionale approvato negli scorsi giorni.”

L’obiettivo, secondo la Società Geografica, è quello di proporre un’organizzazione dell’Italia articolato in una molteplicità di centralità strategiche secondo l’individuazione di una pluralità di “nuovi fattori di localizzazione” che sostengano un ritaglio amministrativo adeguato al territorio”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.