Soppresso il treno Piacenza-Parigi. Pollastri (Pdl): “Alla Regione va bene così”

“Per noi piacentini – spiega il consigliere – questo collegamento diretto ha un forte valore simbolico, oltre che costituire un potenziale strumento di sviluppo per il nostro territorio"

“Soppresso il “treno degli emigrati”, ma alla Regione va bene così”, è l’amaro commento di Andrea Pollastri (PdL) alla risposta alla sua interrogazione sulla soppressione di “Artesia de Nuit”, il treno che collegava Parigi alle città emiliane di Piacenza, Parma e Bologna, costituendo un importante legame tra queste città e la capitale francese, dove vive una vasta comunità originaria di Piacenza e Parma, orgogliosa delle proprie origini, i cui membri desiderano mantenere vivi i legami col territorio d’origine, dove hanno mantenuto affetti, amicizie e case in cui si recano con regolarità.

Rispondendo, l’Assessore Regionale ai Trasporti Alfredo Peri ha ricordato le opzioni esistenti: “Da Parma e Piacenza si può, sempre quotidianamente, raggiungere Parigi con il treno EN 220 che parte da Milano C.le alle 23.38, con arrivo a Parigi alle 9.30 del giorno successivo. Da Parma/Piacenza/Reggio Emilia Milano C.le è convenientemente raggiungibile.”

Egli, inoltre, ha ritenuto “inopportune” le richieste avanzate da Pollastri che invitava la Regione ad intervenire, direttamente e tramite la Consulta degli Emiliano-romagnoli nel mondo, per far pressione sul Ministero dei Trasporti affinchè fosse ripristinato il collegamento ferroviario diretto tra le città emiliane di Piacenza, Parma e Parigi. “Per noi piacentini – ha chiosato l’azzurro – questo collegamento diretto ha un forte valore simbolico, oltre che costituire un potenziale strumento di sviluppo per il nostro territorio. Questo aspetto l’Assessore non l’ha voluto prendere in considerazione, preferendo sacrificare le opportunità che esso rappresenta per Piacenza sull’altare del quieto vivere.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.