Quantcast

Violenza donne, l’assessore Gallini: “Forte soddisfazione per il decreto”

"Si tratta - spiega l’assessore provinciale alle pari opportunità - di un testo normativo di estrema rilevanza in grado di suggerire percorsi e stabilire orientamenti per le attività del tavolo provinciale contro la violenza alle donne"

“Una forte soddisfazione”:  queste le  parole con cui l’Assessore Provinciale alle Pari Opportunità e Presidente del Tavolo Provinciale contro la violenza alle donne Pier  Paolo Gallini  ha accolto la notizia del decreto legge in materia di sicurezza e per il contrasto alla violenza di genere, approvato ieri dal Consiglio dei Ministri con l’obiettivo principale  di combattere e prevenire il fenomeno della violenza sulle donne e il femminicidio.

Questi gli obiettivi del decreto legge: prevenire la violenza di genere, punirla in modo certo e proteggere le vittime. Tra le novità più importanti del provvedimento: l’aumento della pena, per il reato di maltrattamenti contro familiari e conviventi, se alla violenza assiste un minore di anni 18 (la cosiddetta “violenza assistita”, uno dei fattori di rischio principali per la trasmissione intergenerazionale della violenza); sanzioni contro lo stalking messo in atto anche attraverso strumenti informatici o telematici; l’arresto obbligatorio in flagranza per delitti di maltrattamento familiare e stalking.

Commentando i contenuti del provvedimento l’Assessore, oltre a ribadire la necessità di prevenire il fenomeno, ha evidenziato l’importanza di intraprendere a livello nazionale un piano d’azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere sviluppando iniziative di informazione e sensibilizzazione dirette in particolare a uomini e ragazzi sul tema della violenza per educarli al rispetto tra i generi. Tali iniziative dovranno coinvolgere anche il mondo della scuola e della formazione professionale, le forze dell’ordine e i servizi sociosanitari. L’Assessore, pur riservandosi di esprimere un giudizio complessivo sul provvedimento dopo la  conversione del decreto, ha voluto inoltre sottolineare l’impegno congiunto delle diverse  forze  politiche per combattere il fenomeno diffuso dei maltrattamenti, delle violenze sessuali e degli atti persecutori ai danni delle donne. Si tratta – ha concluso l’assessore – di un testo normativo di estrema rilevanza in grado di suggerire percorsi e stabilire orientamenti per le attività del tavolo provinciale contro la violenza alle donne.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.