Quantcast

Avis “Riconoscere nei tempi previsti la pensione ai donatori”

Avis segue con costante attenzione la sorte delle donatrici e dei donatori di sangue che si troverebbero costretti, per effetto della Legge Fornero,  ad allungare la propria permanenza sul posto di lavoro per un numero di giorni pari alle donazioni di sangue effettuate

Più informazioni su

Comunicato stampa Avis Piacenza 

Avis segue con costante attenzione la sorte delle donatrici e dei donatori di sangue che si troverebbero costretti, per effetto della Legge Fornero,  ad allungare la propria permanenza sul posto di lavoro per un numero di giorni pari alle donazioni di sangue ed emocomponenti effettuate o a una decurtazione del 2% dell’assegno previdenziale nel caso in cui non volessero (o non potessero) recuperare le giornate perse.
 
Sono ormai decine le segnalazioni che arrivano alle nostre sedi, interpellate dai patronati o dagli stessi donatori di sangue prossimi alla pensione in merito all’effettivo riconoscimento delle giornate di donazione.
 
Siamo in attesa di maggiori ragguagli interpretativi poiché al momento sembrerebbe che la riforma vada a penalizzare alcune categorie di lavoratori. Seppur coperte da contribuzione effettiva utile ai fini pensionistici, per alcune categorie è infatti previsto che vengano recuperate le giornate perse per congedo matrimoniale, permessi retribuiti per motivi familiari e lutto, diritto allo studio, sciopero, congedi parentali e – appunto – la donazione sangue,
 
Occorre capire quali indicazioni darà il Ministero del lavoro in merito all’interpretazione di questa norma, infatti la donazione di sangue in Italia è regolata dalla legge 219/05 che prevede (secondo l’articolo 8 comma 1)  il riconoscimento della retribuzione e dei contributi per la giornata in cui si è assentato per recarsi all’appuntamento con il dono.«Penalizzando i donatori dal punto di vista pensionistico – commenta il presidente di Avis Nazionale Vincenzo Saturni – non si riconosce il valore morale e solidale della donazione di sangue per il servizio sanitario nazionale, scoraggiando per l’immediato futuro la chiamata dei donatori (attuali e potenziali) e mettendo seriamente a rischio l’obiettivo dell’autosufficienza nazionale di sangue ed emocomponenti. E questo, semplicemente, non è accettabile».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.