Quantcast

Coni e Avis insieme per promuovere la donazione del sangue foto

Coni e Avis hanno da sempre un denominatore comune: quello di considerare lo sport come fenomeno di aggregazione in grado di contribuire alla tutela della salute e alla promozione di corretti stili di vita, soprattutto tra i giovani.

Più informazioni su

Coni e Avis hanno da sempre un denominatore comune: quello di considerare lo sport come fenomeno di aggregazione in grado di contribuire alla tutela della salute e alla promozione di corretti stili di vita, soprattutto tra i giovani. Denominatore comune che rappresenta il fondamento dell’accordo di collaborazione stipulato oggi tra il Coni piacentino, rappresentato dal Delegato provinciale Robert Gionelli, e l’Avis rappresentata per l’occasione dalla Presidente provinciale Laura Bocciarelli.

Una collaborazione nata per dar vita a concrete iniziative per sensibilizzare gli sportivi – ed i giovani in modo particolare – sull’importanza della donazione del sangue, e per informarli sulle sue modalità e sulla compatibilità tra pratica sportiva e donazione.
“Nelle nostre iniziative di promozione sportiva – ha precisato Robert Gionelli – ci proponiamo di diffondere tra i giovani la passione per lo sport senza dimenticare gli aspetti culturali ed educativi. Grazie alla collaborazione di Avis potremo impegnarci anche per far capire agli sportivi, e soprattutto agli studenti, che il sangue è un bene prezioso e che solo attraverso la donazione questo bene può essere messo a disposizione degli altri. Per donare occorre essere maggiorenni, ma è indispensabile far capire anche ai bambini l’importanza di questi atti di generosità”.
Avis Provinciale, d’ora in poi, affiancherà il Coni in tutte le iniziative di promozione sportiva organizzate sul territorio, istituendo anche un Premio Speciale che verrà assegnato ogni anno alla Società che si sarà distinta per il suo impegno socio-educativo e nella donazione del sangue.

“Lo sport si è sempre coniugato benissimo con la solidarietà – ha sottolineato Laura Bocciarelli – per questo abbiamo scelto il Coni come nostro interlocutore per raggiungere gli sportivi ed i giovani. Organizzeremo momenti informativi sia per le società sportive sia per le scuole, cercando anche di fare proseliti con i campioni dello sport piacentino che hanno già dimostrato sensibilità verso la donazione del sangue. Il nostro sogno è quello di fare della donazione un valore condiviso dagli sportivi e dai giovani”.
Avis chiama e il mondo dello sport risponde subito. Infatti il Delegato provinciale del Coni, Robert Gionelli, cogliendo quest’occasione, ha fatto una donazione di sangue assistito dal Direttore dell’Unità Operativa Immunoematologia e Medicina Trasfusionale, dottor Agostino Rossi.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.