Quantcast

Fare per fermare il Declino. “Cessioni Alitalia e Telecom, era ora”

"Inadeguatezza della classe dirigente italiana pubblica e privata e un altro capitolo del declino italiano"

Più informazioni su

Marzia Perazzi, coordinatore provinciale di Fare per Fermare il declino interviene sul tema delle recenti cessioni: “Le vicende di questi giorni che hanno riguardato Telecom e Alitalia costituiscono un’altra conferma dell’inadeguatezza della classe dirigente italiana pubblica e privata e un altro capitolo del declino italiano.

Quello che accomuna questa classe dirigente, che tende a giustificare le proprie malefatte con un confuso senso di patriottismo, è la costante repulsione verso il mercato e, al tempo stesso, il totale disinteresse per il bene comune.

Sia Telecom che Alitalia sono state oggetto in tempi relativamente recenti, di offerte rilevanti da alcuni dei principali operatori dei rispettivi settori. Si è voluto resistere alle offerte di América Móvil nel 2007 e Air France nel 2008, favorendo i soliti amici a danno dei soliti ignoti. Con perdite pubbliche enormi, specie nel caso di Alitalia, e una probabile cessione del controllo di Telecom a Telefonica a prezzi ridicoli.

La difesa della “italianità” è stato uno dei principali argomenti della campagna elettorale 2008 di Silvio Berlusconi, finanziata, è il caso di dirlo, a colpi di miliardi pubblici. Ora la stessa classe politica ed economica che ha provocato il danno si straccia le vesti per la cessione del controllo di Telecom Italia agli spagnoli e quella, imminente di Alitalia ai franco-olandesi.

Fare per Fermare il declino non si unisce al coro ipocrita di costoro. Con l’amarezza di chi ha a cuore il bene del nostro Paese, diciamo “Era ora”, ma soprattutto “Ci serva da lezione”. Questi sono i risultati di chi cerca di sottrarre alla legge dell’efficienza e del mercato i residui pezzi importanti dell’economia del paese con visione miope e senza un disegno di rilancio. Siamo ancora in tempo a invertire la rotta, ma partendo dai fondamentali: un colpo di reni del Paese è ancora possibile. Nel caso di Telecom ci auspichiamo che questa sia occasione per portare a compimento un processo di reale liberalizzazione, a partire dallo scorporo della rete che però non può vedere l’intervento della Cassa Depositi e Prestiti che farebbe rientrare dalla finestra ciò che è uscito dalla porta. In un mondo sempre più globale, dobbiamo confrontarci, e non sottrarci, al mercato. Dalla scuola primaria fino ai vertici delle istituzioni ci è richiesto un cambio di marcia radicale.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.