In un anno rapine più che raddoppiate a Piacenza (+125%)

Allarme lanciato da Marco Amadori, segretario generale della Fiba Cisl Emilia-Romagna, durante la presentazione dell’analisi semestrale sulle rapine elaborato dall’Osservatorio regionale dei bancari della Cisl. Nella nostra provincia colpi più che raddoppiati

Più informazioni su

“In un anno il numero di rapine in regione è aumentato del 33 per cento, 77 rapine nei primi sei mesi del 2013 contro le 58 dell’anno precedente, con ben sette province su nove che segnano un maggior numero di eventi criminosi rispetto al 30 giugno 2012”.

E’ questo l’allarme lanciato da Marco Amadori, segretario generale della Fiba Cisl Emilia-Romagna, durante la presentazione dell’analisi semestrale sulle rapine elaborato dall’Osservatorio regionale dei bancari della Cisl. Presentazione che si è tenuta oggi a Bologna presso la sede della Cisl nel corso dell’esecutivo (“il parlamentino”) della categoria,  dopo che lo stesso documento era stato discusso venerdì scorso nell’ambito della Segreteria regionale Fiba.

“Dato molto grave – ha continuato Amadori – se si considera la tendenziale diminuzione che da circa un biennio si riscontrava anche in Emilia Romagna, 60 rapine nei primi sei mesi del 2011 e 58 nei primi sei mesi del 2012”. In quasi tutte le province dell’Emilia-Romagna si registra un aumento degli eventi criminosi rispetto all’anno precedente, infatti il record negativo di incremento della provincia di  Rimini (+ 200%) è seguito a ruota dai disastrosi risultati delle province di Piacenza (+125%), Reggio Emilia (+125%), Modena (+50%), Parma (+50%), Ravenna (+50%) e Forlì-Cesena  (+33,3%). Uniche eccezioni riguardano Ferrara, che ha ricalcato lo stesso dato dell’anno precedente (tre rapine nei primi sei mesi dell’anno) e in parte Bologna, territorio che nonostante abbia avuto una sensibile riduzione del numero di rapine (-29,6%) resta pur sempre la provincia con il maggior numero di tale tipologia di evento criminoso (19). Nella nostra provincia al 30 giugno sono stati messi a segno nove colpi, dato più che raddoppiato rispetto all’anno precedente quando le rapine erano state quattro.

“Questi dati  – ha ribadito il sindacalista della Cisl – purtroppo confermano senza tema di smentite quello che paventavamo da mesi, ovvero il rischio di abbassare la guardia, specie dopo il trionfalismo inopportuno mostrato dall’ABI nel presentare i numeri 2012, che segnavano una diminuzione delle rapine”. “Ad ogni modo – ha rincarato la dose il segretario generale regionale dei bancari Cisl – questo fenomeno di recrudescenza di episodi criminosi ci preoccupa anche per il riaffiorare di due aspetti che da alcuni anni sembravano caduti nel dimenticatoio: le aggressioni che i lavoratori di banca subiscono anche fuori dagli sportelli creditizi e il ritorno all’utilizzo delle armi da fuoco. Fenomeni che naturalmente moltiplicano l’allarme sociale e aumentano la pericolosità per i nostri colleghi, per i clienti e per i cittadini”

“Proprio per questi motivi – ha proseguito Amadori – chiediamo alle banche di introdurre, anche temporaneamente, delle ulteriori misure di sicurezza, come le guardie giurate davanti agli sportelli più a rischio o l’adozione della ronda plurisportello anche tra banche diverse”. “Ma nello stesso tempo – ha concluso il dirigente Cisl – lanciamo un appello anche ai dipendenti, affinché evitino comportamenti rischiosi per la loro incolumità e, nello stesso tempo, denuncino eventuali pressioni degli istituti creditizi per costringerli ad adottare comportamenti e pratiche a discapito della sicurezza e per giunta non contemplati dal contratto di lavoro”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.