Quantcast

Piacenza Basket School, successo per il raduno under 13 a Bobbio

Prosegue a gonfie vele il progetto Piacenza Basket School, settore giovanile targato Piacenza Basket Club, volto a contribuire in maniera sostanziale alla crescita del movimento cestistico giovanile a Piacenza e provincia.

Più informazioni su

Prosegue a gonfie vele il progetto Piacenza Basket School, settore giovanile targato Piacenza Basket Club, volto a contribuire in maniera sostanziale alla crescita del movimento cestistico giovanile a Piacenza e provincia. Proprio in quest’ottica lo scorso weekend si è tenuta una importante iniziativa, in collaborazione con la Primogenita Calendasco, nella splendida cornice della Val Trebbia, a Bobbio, con un raduno congiunto delle formazioni Under 13 delle due società piacentine.
 
Il Soggiorno Don Orione ha ospitato 46 ragazzi (comprensivi di 11 ragazze) per un weekend di basket per confrontarsi e crescere insieme agli ordini di alcuni dei migliori allenatori a livello locale e nazionale: Alessandro Mambretti, Simone Nadal, Andrea Pedroni, Piero Mellone e Filippo Antozzi per quanto riguarda il Piacenza Basket Club; Annalisa Podestà (Fiorenzuola); Michele Silleci, Corrado Bertuzzi, Paolo Molinari, Giorgio Zanotti, Enrico Massari, Giacomo Inzani e 
Claudio Massari della Primogenita Calendasco; Filippo Pelati (preparatore atletico di Casalpusterlengo) e Guido Saibene, ex vice coach, tra le altre, di Virtus Roma, Olimpia Milano e Cimberio Varese, quest’anno Responsabile Regionale della Lombardia per il Trofeo Bulgheroni.
Questa iniziativa vuole essere da trampolino di lancio per una stabile collaborazione, presente e futura tra il Piacenza Basket Club e la Primogenita Calendasco per aumentare il livello tecnico e la competitività dell’intero movimento giovanile piacentino grazie al continuo confronto, aggiornamento e dialogo tra gli allenatori di entrambe le società.
La collaborazione riguarderà inizialmente le formazioni Under 13 e Under 17 ma in futuro sarà allargato all’intero settore giovanile.
 
Alessandro Mambretti ha precisato i punti principali che andrà a toccare il progetto: “Questa iniziativa è volta a creare sinergia e collaborazione tra ragazzi che sono sempre stati avversari sul campo nell’intento di fare gruppo. L’obiettivo sarà unire i due gruppi Under 13 di Piacenza e Calendasco per aumentare la competitività e creare nuovi stimoli. L’anno prossimo la collaborazione dovrebbe riguardare anche altre formazioni giovanili. Questo raduno di Bobbio è servito anche a noi allenatori per creare momenti di condivisione, confrontare i vari punti di vista e conoscere meglio i giocatori della provincia”.
 
Gli fa eco, Claudio Massari, responsabile del settore giovanile della Primogenita e tra i principali promotori del progetto e del raduno di Bobbio: “L’idea è nata da un confronto tra me e Mambretti per cercare di creare dei gruppi di ragazzi competitivi a livello provinciale. Il progetto, aperto a tutte le società piacentine, è volto alla crescita dei giovani dalla quale potrebbe giovarne anche tutto il movimento cestistico provinciale. Il problema a Piacenza è la mancanza di società serie vogliose di investire sul settore giovanile e noi vorremmo cercare di invertire questa tendenza. Bisogna credere in questo progetto con grande passione e voglia di fare”.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.