Quantcast

Premio nazionale dedicato agli organisti al Conservatorio Nicolini

É stato presentato questa mattina, al Conservatorio Nicolini, il premio Nazionale delle Arti - sezione organi, indetto dal Ministero dell'Università e della Ricerca che avrà luogo a Piacenza nei giorni 30 settembre, 1 e 2 ottobre.

Più informazioni su

É stato presentato questa mattina, al Conservatorio Nicolini, il premio Nazionale delle Arti – sezione organi, indetto dal Ministero dell’Università e della Ricerca che avrà luogo a Piacenza nei giorni 30 settembre, 1 e 2 ottobre.
 
“I candidati – ha spiegato Fabrizio Dorsi, direttore del Conservatorio piacentino- Avranno a disposizione il giorno 30 settembre per studiare sugli organi del Conservatorio, il 1 settembre, invece, potranno studiare sull’organo Serassi di Santa Maria di Campagna”. Il concorso permetterà di valorizzare il territorio e i compositori locali: i finalisti dovranno eseguire un brano di Padre Davide da Bergamo, a 150 anni dalla morte, sul Serassi si Santa Maria di Campagna. “La commissione – ha continuato – si ritroverà il 1 ottobre e procederà a selezionare i finalisti”. Questi ultimi avranno un’ulteriore possibilità di studio il 2 ottobre: la sera la finale si svolgerà sotto forma di concerto pubblico, nel salone del Conservatorio. Al termine verranno selezionati i finalisti che verranno annunciati (saranno premiati a Roma).
 
Prestigiosa la giuria presieduta dall’organista avignonese Luc Antonini. I partecipanti sono una decina provenienti dai migliori Conservatori italiani, 1 di loro é piacentino.
 
Come ha spiegato il presidente Daniele Cassamagnaghi, Per l’occasione il Conservatorio Nicolini ha fatto un Investimento di 30mila euro sull’organo Tamburini del salone. Si tratta di un organo del 1975, uno dei piú grandi organi a trasmissione meccanica esistenti in Italia.
 
Le audizioni sono pubbliche.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.