Quantcast

Asp, i sindacati: “Pochi passi avanti e i tempi stringono”

Pubblichiamo il comunicato stampa firmato da Bonetti (Cgil), Canepari (Cisl), Rizzi e Pighi (Uil) sul tema dell’accreditamento delle Asp che sarà al centro del consiglio comunale aperto in programma questa sera a Borgonovo

Più informazioni su

Pubblichiamo il comunicato stampa firmato da Bonetti (Cgil), Canepari (Cisl), Rizzi e Pighi (Uil) sul tema dell’accreditamento delle Asp che sarà al centro del consiglio comunale aperto in programma questa sera a Borgonovo. “Pochi passi avanti – spiegano – e i tempi stringono”.

IL COMUNICATO

L’accreditamento delle Asp (Azienda pubblica di Servizi alla Persona) presso i Comuni stenta a decollare: aziende nate accorpando le varie gestioni dei singoli comuni in un’unica gestione tesa a governare una moltitudine di servizi del mondo socio-educativo che probabilmente non convincono i comuni. 

“Siamo preoccupati e stanchi di questa situazione, in particolare a Piacenza e Castelsangiovanni, è ormai dalla scorsa primavera che insistiamo sull’importanza di assumere una linea netta, chiara sul lavoro che le Asp devono svolgere sul territorio. Capiamo che non sono decisioni facili e che vanno ponderate ma sappiamo da anni che dal primo gennaio 2014 si partirà con l’accreditamento definitivo, e ad oggi non abbiamo ancora nulla di certo. Non ci sembra un comportamento rispettoso nei confronti dei tanti lavoratori che ogni giorno non fanno mancare il loro apporto alle aziende e con dedizione svolgono il proprio ruolo, cosi come non lo è per i tantissimi utenti ospitati dalle diverse strutture. Vogliamo coinvolgimento, risposte e certezze”.

E’ questo, in sintesi, il messaggio mandato da Gaetano Bonetti (Cgil), Alberto Canepari (Cisl) Ermanno Rizzi e Gianmaria Pighi (Uil) ai Comuni che devono ancora accreditare le strutture pubbliche.

“Finalmente qualche passo in più è stato fatto all’Asp Azalea, infatti ci sarà un consiglio comunale aperto alle organizzazioni sindacali per discutere della vicenda a Borgonovo lunedì 14 alle ore 21 e siamo in attesa di una risposta per un’analoga iniziativa a Castello”.

A Piacenza la situazione è più in divenire: “Abbiamo fatto una riunione informale ma decisioni non ne sono state prese, siamo in tremendo ritardo. C’è l’attenuante del cambio della direzione, ma allora è automatico chiedersi cosa è stato fatto fino ad oggi. Non si può continuare a contare sulle proroghe della Regione Emilia-Romagna. Inoltre – proseguono i confederali – su questo fronte è aperto il discorso dei carichi di lavoro del personale e in particolare il salario di produttività, sul quale permangono richieste ancora aperte attorno all’ammontare del fondo destinato alle lavoratrici e ai lavoratori dell’Asp che auspichiamo venga finanziato dalla razionalizzazione fatta in questi anni e dal risparmio dirigenziale”.  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.