Quantcast

Fd’I presenta “Officina per Piacenza”, cinque iniziative per il nostro territorio

Dalla stipula del Patto per la Grande Piacenza al rilancio del polo logistico di Piacenza.

Più informazioni su

E’ stata presentata, nel primo pomeriggio, nella sede piacentina di Fratelli d’Italia l'”Officina per Piacenza”. Ad intervenire i coordinatori comunali di FdI della Provincia che hanno presentato alcune iniziative. “Cinque iniziative – hanno puntualizzato – per dare un futuro al nostro territorio anziché alimentare sterili proteste”.

1) Stipula del Patto per la Grande Piacenza (Piacenza, Podenzano, Gossolengo, Rivergaro, Rottofreno, San Giorgio), volto alla: stipula di un accordo di programma dei detti enti locali che metta in sinergia tutte le potenzialità presenti sui vari territori, individuando i punti di forza e gli elementi di criticità. Non in tutti i Comuni devono fare le stesse cose e non tutti hanno le stesse vocazioni.

2) Scelta degli immobili dello Stato di cui chiedere il trasferimento, atteso che: dal 1 settembre 2013 e fino al 30 novembre 2013 i Comuni, le Province, le Città Metropolitane e le Regioni possono presentare all’Agenzia del Demanio richiesta di acquisizione di beni immobili dello Stato, tenuto conto che quelli appartenenti al Demanio storico-artistico possono essere trasferiti solo con le procedure di cui all’art. 5 comma 5 del Dlgs 85/2010.

3) Rilancio del polo logistico di Piacenza, per: promuovere e costituire l’interporto di Piacenza. Secondo il rapporto CENSIS 2008 risultano operanti in Italia diciassette interporti, tra i quali quelli più vicini a Piacenza risultano essere quelli di: Vado Ligure, Novara, Rivalta Scrivia, Parma, Bologna, Parma, Torino, Verona. Radicare presso gli operatori l’idea di fare del polo piacentino una base di logistica dell’e-commerce.

4) Riqualificazione dell’area della stazione, con il rilancio di Borgo Faxall, mediante: una nuova convenzione urbanistica, anche allargando il perimetro d’intervento all’area comunale del Mercato Ortofrutticolo di Via Colombo, che da gennaio sarà libera.

5) Petizione – con raccolta di firme – per la sicurezza dei cittadini contro: la proposta di approvare l’amnistia e/o indulto;  l’abolizione del reato d’immigrazione clandestina e la depenalizzazione del reato per chi coltiva la marijuana. Per la certezza della pena; il ripristino dell’operazione “strade sicure” con il ritorno delle pattuglie miste di Forze dell’ordine e militari; l’applicazione del Regolamento comunale di Polizia Urbana, con particolare riferimento alle sanzioni anti prostituzione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.