Quantcast

Festival L’Altra Scena, stasera “Giù” il sipario. Debutta la rassegna

Si alza il sipario stasera a Piacenza sulla terza edizione del Festival di Teatro Contemporaneo “L’altra scena”, organizzato da Teatro Gioco Vita – Teatro Stabile di Innovazione con Fondazione Teatri di Piacenza e Comune di Piacenza – Assessorato alla Cultura, con il sostegno di  Fondazione di Piacenza e Vigevano, Tecnoborgo, Cariparma, Iren Emilia  e la collaborazione dell’Associazione Amici del Teatro Gioco Vita. 

Si alza il sipario stasera a Piacenza sulla terza edizione del Festival di Teatro Contemporaneo “L’altra scena”, organizzato da Teatro Gioco Vita – Teatro Stabile di Innovazione con Fondazione Teatri di Piacenza e Comune di Piacenza – Assessorato alla Cultura, con il sostegno di  Fondazione di Piacenza e Vigevano, Tecnoborgo, Cariparma, Iren Emilia  e la collaborazione dell’Associazione Amici del Teatro Gioco Vita. 
 
L’apertura della rassegna, in via Santa Franca a partire dalle ore 19, vedrà una proposta conviviale realizzata in collaborazione con l’Associazione Amici di Roccapulzana: i volontari prepareranno per tutto il pubblico i Batarò, piatto tipico della Valtidone.
 
Sempre alle ore 19 al Teatro Gioia, il nuovo spazio di Teatro Gioco Vita in via Melchiorre Gioia 20 che proprio in occasione del Festival apre per la prima volta al pubblico, si terrà l’incontro “Dietro il sipario: l’altra scena”, a cura di Chiara Merli. 
 
L’illustrazione dei contenuti artistici del cartellone del Festival diventerà occasione per avviare un percorso di avvicinamento al teatro, senza la pretesa di spiegarlo né classificarlo, ma con l’intento di offrire agli spettatori di domani l’opportunità di fruire in modo consapevole dell’esperienza teatrale. La partecipazione è gratuita e pensata in modo particolare per gli studenti delle scuole superiori, ma aperta anche a tutto il pubblico. 
 
Alle ore 21 al Teatro Comunale Filodrammatici andrà in scena il primo spettacolo in cartellone dell’edizione 2013 del Festival:  “Giù” della  Compagnia Scimone Sframeli. Di Spiro Scimone, in scena con Francesco Sframeli (che cura anche la regia), Gianluca Cesale e Salvatore Arena, lo spettacolo ha vinto il Premio Ubu 2012 per la miglior scenografia firmata da Lino Fiorito. E’ coprodotto con il Festival delle Colline Torinesi e il Théâtre Garonne Toulouse. “Giù” è un invito indignato a rompere il silenzio per dare voce agli altri. Un urlo contro il marciume della nostra società che umilia la dignità e la libertà dell’individuo. In un’atmosfera surreale, dove il dramma è in continuo equilibrio con la comicità, il Figlio, una mattina, sotto gli occhi del Papà, sbuca fuori dal cesso per manifestargli il proprio malessere contro un mondo sempre più saturo di egoismo e d’indifferenza. Il Papà, vedendo il proprio figlio nel cesso, cerca di tirarlo fuori. Ma, nel cesso, non c’è solo il Figlio da tirare fuori. Nel cesso, da tirare fuori, c’è anche Don Carlo, un prete scomodo, che è finito giù perché su non vuole più stare comodo. Giù è finito il Sagrestano che dopo tanti anni di soprusi e violenze, stanco di subire, trova nel cesso la forza e il 
coraggio di ribellarsi. Giù c’è, anche, il povero cristo di Ugo che preferisce cantare sotto un ponte per non perdere la dignità…per non vendere la propria dignità. Giù ci sono tante persone che, per difendere i valori umani e lottare contro il male che avanza, aspettano il loro turno per tornare su… per tornare, di nuovo, su.
 
Specchio di una condizione sociale ed esistenziale umiliante che uccide dignità e libertà, “Giù” è una favola amara e bella, uno spettacolo lucido e impetoso in cui la denuncia e il dramma si mescolano all’ironia e alla comicità. Un appuntamento da non perdere. 
 
INFO 
 
I biglietti per lo spettacolo costano 15 euro (intero) e 10 euro (ridotto studenti). Il giorno dello spettacolo la biglietteria funziona nella sede della rappresentazione (Teatro Comunale Filodrammatici, via Santa Franca 33, tel. 0523.315578) a partire da un’ora prima dell’inizio della recita. Per informazioni:  Teatro Gioco Vita – Teatro Stabile di Innovazione, Tel. 0523.315578, info@teatrogiocovita.it.
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.