Quantcast

La classifica degli ospedali, la sanità emiliana seconda solo alla Toscana

Le regioni del Nord sempre tra le migliori, quelle del Sud, e soprattutto se commissariate o sotto la scure del piano di rientro, nel fondo del ranking

Più informazioni su

Toscana al top, subito dopo Emilia Romagna e Lombardia. La Campania maglia nera, e con lei Puglia e Molise. Le regioni del Nord sempre tra le migliori, quelle del Sud, e soprattutto se commissariate o sotto la scure del piano di rientro, nel fondo del ranking. I risultati, regione per regione, del “Programma nazionale esiti 2012” appena elaborati dall’Agenas (l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari), ci presentano una fotografia delle condizioni di salute degli ospedali italiani.

Agenas, l’agenzia nazionale per i servizi sanitari delle Regioni, ha infatti pubblicato la ricerca sugli “esiti” dell’attività sanitaria del 2012, basata sulle schede di dimissione. I 1440 ospedali pubblici e convenzionati italiani sono stati classificati in base a una quarantina di indicatori, dalla mortalità per infarto, a quella per gli interventi cardiochirurgici o per l’ictus, dal tasso di cesarei a quello delle operazioni di colecisti in laparoscopia. In pratica, è una radiografia della qualità delle cure. L’agenzia ha preso in considerazione, per tutti gli indicatori, come sono andate le strutture delle Regioni italiane, cioè quali sono state nella media, oppure sopra o sotto. 

Il rapporto mette a confronto ogni anno – questa è la quarta edizione – i risultati ottenuti in base a 47 indicatori comuni a tutti gli ospedali, che vanno dalla mortalità a 30 giorni per ictus a quella per infarto, dalla proporzione dei parti con taglio cesareo alle complicanze a 30 giorni per colecistectomia.

IN QUESTA PAGINA A CURA DEL SOLE 24ORE SONO REPERIBILI I DATI DI TUTTI GLI OSPEDALI IN RELAZIONE AGLI INDICATORI

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.