Quantcast

Omicidio Ferriere, “Monica non imputabile, 10 anni in una struttura psichiatrica” foto

Non è stata giudicata imputabile Monica Montagna, la ragazza di 29 anni che il 24 luglio del 2012 a Ferriere (Piacenza) ha ucciso l’amica Annalisa Lombardi

Assolta dall’accusa di omicidio perchè giudicata non imputabile per le sue condizioni psicologiche, incapace di intendere e di volere al momento del delitto. E’ la sentenza pronunciata nei confronti di Monica Montagna, la ragazza di 29 anni che il 24 luglio del 2012 a Ferriere (Piacenza) ha ucciso l’amica Annalisa Lombardi. Il giudice ha stabilito la permanenza della ragazza  per 10 anni in un ospedale psichiatrico, per le sue condizioni psicologiche e anche per la sua accertata pericolosità sociale. 

La giovane si trova già ricoverata all’interno della struttura psichiatrica di Castiglione delle Stiviere (Mantova). La sentenza del processo con rito abbreviato che si è svolto al Tribunale di Piacenza è stata pronunciata dal giudice Gianandrea Bussi, presenti in aula i familiari della vittima Annalisa Lombardi. I quali hanno espresso il loro dissenso rispetto alla sentenza, ritenuta troppo lieve. “Annalisa era una ragazza felice di vivere – ha ricordato la madre mostrando la foto della figlia – era solare e amata da tutti”.

Il giudice ha accolto la richiesta del pubblico ministero Ornella Chicca, che aveva appunto chiesto l’assoluzione per non imputabilità e contestualmente una misura di sicurezza per 10 anni all’interno di un’ospedale psichiatrico. Monica Montagna era difesa dall’avvocato Matteo Manici del foro di Parma; Stefano Piva rappresentava invece i familiari della vittima: “Da parte nostra – ha spiegato – contestiamo la perizia con la quale si afferma l’incapacità di intendere di Monica Montagna”. Il legale ha però affermato che non ricorrerà in appello.

L’OMICIDIO – Monica Montagna, la ragazza di 29 anni accusata di aver ucciso il 24 luglio 2012 a Ferriere l’amica Annalisa Lombardi aveva agito al culmine di una lite: sul corpo della vittima vennero inferte oltre 150 coltellate. Monica Montagna era stata ricoverata all’ospedale Maggiore di Parma a seguito della caduta dalla finestra dell’appartamento teatro del delitto. La ragazza è stata poi sottoposta ad una perizia psichiatrica che aveva accertato la sua incapacità di intendere e di volere, ma altresì una condizione tale da poter affrontare il processo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.