Quantcast

Priolo a Piacenza a sostegno di Cuperlo: “Rimettere al centro il partito”

Superare questa crisi, che non è solo economica, difendendo la democrazia e ricostruendo con forza un’ idea alta e nobile della politica. E questo il messaggio emerso dall’ iniziativa “La forza delle idee” con il sindaco di Calderara di Reno (BO)

Più informazioni su

Superare questa crisi, che non è solo economica, difendendo la democrazia e ricostruendo con forza un’ idea alta e nobile della politica. E questo il messaggio emerso dall’ iniziativa “La forza delle idee” con Irene Priolo, sindaco di Calderara di Reno (BO), organizzata dalla mozione Cuperlo di Piacenza.

Introdotta dalla portavoce della mozione e consigliera comunale Giulia Piroli e dal vicesindaco Francesco Cacciatore, la giovane amministratrice bolognese ha delineato i concetti fondamentali che sostengono la candidatura di Gianni Cuperlo alla segreteria nazionale del Partito Democratico. Una scelta, quella del segretario nazionale, che il Pd si appresta a fare attraverso le primarie, aperte a tutti gli elettori e non solo agli iscritti, previste per l’otto dicembre.

La proposta di Cuperlo parte da un’analisi puntuale di quanto è successo negli ultimi 30 anni per arrivare alla domanda: “chi vogliamo rappresentare in una società disgregata in cui si sono rotti i patti sociali ? Un partito deve essere in grado di capire le nuove tensioni sociali. E’ mancata la prontezza nel cogliere i mutamenti e la condivisione di destino con chi avremmo dovuto rappresentare”.

“Il PD – ha spiegato – deve dire su cosa fondare un’altra idea del nostro futuro in Europa. Su quali principi incardinare una stagione che abbia al centro il valore della persona, una nuova condizione umana che interroga scienza, economia, civiltà. L’Italia rinascerà se la politica cambierà il potere per distribuirlo a chi oggi non sa neppure cos’è. Renzi vuole candidarsi alla segreteria e fare ancora il sindaco. Non va bene perché c’è un lavoro profondo di costruzione del partito che dovrebbe assorbire tutte le energie e le forze. La segreteria non può essere il trampolino di lancio verso altri incarichi e ruoli. Fare il segretario e farlo bene richiede il suo tempo. In Italia c’è sempre il problema dei ruoli”.

“Il PD non può essere un partito basato sugli amministratori. Governare ed amministrare non bastano, è necessario ricostruire dal basso una partecipazione alla politica e costruire una comunità che si riconosca nei valori e negli ideali di un centrosinistra moderno, plurale e aperto alle esperienze migliori della società. Civati non si confronta con il Partito ma con gli organi di stampa perché è più facile. Le cose che dice lui le dicono tutti. Ma è una scorciatoia. La politica è mediazione e complessità e non solo critica. Il partito deve tornare ad essere una “Comunità educante”, luogo di elaborazione politica, culturale e ideale”.

“Il modello neoliberista egemone negli ultimi anni, che ha creato questa crisi, ha colpito le istituzioni e l’idea stessa di democrazia, creando danni non solo economici. Ecco perché si deve tornare alla qualità della proposta politica, rimettendo il partito e gli iscritti al centro”.

Al comitato “Piacenza per Cuperlo” hanno aderito anche la parlamentare Paola De Micheli e il consigliere regionale Marco Carini. Presente all’iniziativa anche l’assessore Silvio Bisotti. Per chi volesse maggiori informazioni esiste il sito nazionale www.giannicuperlo.com dove è possibile scaricare il documento a sostegno della candidatura. Inoltre a livello locale esistono il gruppo e la pagina Facebook “Piacenza per Cuperlo”. Eventuali adesioni e ulteriori richieste di informazioni possono essere inviate alla mail piacenzaxcuperlo@gmail.com.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.