Quantcast

Servizio civile, 30 posti all’Anpas Piacenza

L’Anpas piacentina è stata l’unica in Regione ad aggiudicarsi l’inserimento di ben circa 30 risorse; tanta la soddisfazione "a riconfermare l’ottimo lavoro di questa eccellenza locale

Più informazioni su

Il Coordinatore Provinciale e Consigliere Regionale di Anpas Emilia Romagna Paolo Rebecchi, ha annunciato che venerdì 4 ottobre è stata siglata l’uscita del Bando di Servizio Civile Nazionale per il 2013, che vede il progetto di Anpas Piacenza approvato e finanziato. Questo risultato davvero eclatante in contrapposizione al malumore su scala nazionale per i numeri ritenuti esigui, permette di creare un sistema di supporto alla nostra provincia, in termini di occupazione (anche se a tempo determinato) e di sostegno alle realtà di volontariato. L’ Anpas piacentina è stata l’unica in Regione ad aggiudicarsi l’inserimento di ben circa 30 risorse; tanta la soddisfazione “a riconfermare l’ottimo lavoro di questa eccellenza locale”.

Oltre a rivestire un ruolo da protagonista nei settori storici dell’emergenza e del trasporto sanitario, l’odierna realtà emiliano romagnola dell’Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze continua infatti ad abbracciare con perizia e competenza anche gli ambiti della Protezione civile, delle Attività sociali, della Formazione, delle iniziative di Solidarietà, Cooperazione e Adozioni internazionali, e, per l’appunto, il distretto del Servizio Civile.

Configurandosi dal 1981 come ente di Servizio Civile, inizialmente con 3.000 obiettori in servizio presso le Pubbliche Assistenze, ANPAS ha saputo raggiungere il traguardo di essere accreditata quale ente di 1° classe per il Servizio Civile Nazionale, tanto che nel 2006 sono stati circa 2.000 i ragazzi che hanno partecipato attivamente ai vari progetti presso le oltre 500 sedi di attuazione.

Ed ecco allora che anche la Provincia di Piacenza, con le sue 14 Pubbliche Assistenze facenti parte della rosa delle 111 Associazioni di ANPAS Emilia Romagna che può vantare ad oggi un ammontare di 20mila volontari e 100mila soci sostenitori, da anni aderisce al programma di Servizio Civile Volontario. “Tantissimi i giovani – spiega Anpas – che fino ad oggi hanno sposato questa causa, coinvolgendosi in un’esperienza di crescita e di sensibilizzazione umana e professionale”. Otto le sedi piacentine direttamente coinvolte nell’entourage in oggetto, per un totale di 27 operatori che saranno così ripartiti:

–         Pubblica Assistenza Cortemaggiore (Via Boni Brighenti, 2 – Cortemaggiore): n. 4 volontari
–         Pubblica Assistenza Croce Bianca Piacenza (Via Emilia Parmense, 19 – Piacenza): n. 3 volontari
–         Pubblica Assistenza Val Nure (Via Ferruccio Parri, 10 – Ponte dell’Olio): n. 4 volontari
–         Pubblica Assistenza San Giorgio Piacentino (Viale Campo Sportivo, 2 – San Giorgio): n. 4 volontari
–         Pubblica Assistenza Sant’Agata (Via Roma, 49 – Rivergaro): n. 4 volontari
–         Pubblica Assistenza Val Trebbia (Piazza Trieste, 16 – Travo): n. 2 volontari
–         Pubblica Assistenza Val Tidone Val Luretta (Via Morselli, 16/E – Castel San Giovanni): n. 2 volontari
–         Pubblica Assistenza Carpaneto Soccorso (Via G. Leopardi, 1 – Carpaneto P.no): n. 4 volontari


Il termine ultimo di protocollazione sancito per la ricezione delle domande da parte dei candidati è il 4 Novembre 2014 alle ore 14
, laddove, ad eccezione degli appartenenti ai corpi militari o alle forze di polizia, potranno partecipare alla selezione i giovani, senza distinzione di sesso, che alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni), in possesso dei seguenti requisiti:

–         Essere cittadini italiani
–         Non aver riportato condanna, anche non definitiva, alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo, ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici, o di criminalità organizzata
–         Non aver presentato ulteriori domande di partecipazione alle selezioni per altri progetti di servizio civile nazionale, inclusi sia nel presente bando che in tutti quelli contestualmente pubblicati
–        Non avere in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero non avere avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.