Quantcast

Verdi e le “note di agricoltura”, convegno regionale a Piacenza

L’appuntamento, aperto a tutti i cittadini interessati, è il primo di quattro incontri che l’assessorato regionale all’Agricoltura promuoverà, negli atenei di Parma, Reggio Emilia e Bologna, per celebrare il bicentenario verdiano

Ha un titolo evocativo, “Note di agricoltura”, il convegno organizzato dalla Regione Emilia Romagna a Piacenza, venerdì 11 ottobre, dalle 9.30 alle 12.30 presso la sala Piana dell’Università Cattolica. L’appuntamento, aperto a tutti i cittadini interessati, è il primo di quattro incontri che l’assessorato regionale all’Agricoltura promuoverà, oltre a quello cittadino realizzato anche in collaborazione con l’Amministrazione comunale, negli atenei di Parma, Reggio Emilia e Bologna, per celebrare il bicentenario verdiano.

Del rapporto tra il compositore e la terra, che coltivava con sapienza e con passione, discuteranno il preside della Facoltà di Agraria Lorenzo Morelli, l’assessore regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni, Michele Stanca dell’Università degli Studi di Reggio Emilia e Modena, la ricercatrice Daniela Morsia della Biblioteca Passerini Landi, Ilaria Dioli del Laboratorio di Economia Locale dell’Università Cattolica di Piacenza e Paolo Rizzi, docente della Facoltà di Economia e Giurisprudenza dell’ateneo di San Lazzaro. All’attore Domenico Sannino sarà affidata la lettura di alcuni brani.

Il dibattito, che approfondirà la figura di Giuseppe Verdi come imprenditore agricolo e come cultore della buona tavola, aprirà inoltre una riflessione sul concetto di “personality branding territoriale”, individuando nel compositore di Busseto un testimonial autorevole e particolarmente efficace per il nostro territorio, anche in vista di un grande evento come l’Expo 2015.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.