Quantcast

Export vino, due giorni di formazione per le aziende piacentine

Giovedì 28 a Castell’Arquato e venerdì 29 novembre a Ziano avranno luogo gli incontri con le aziende vitivinicole interessate all’opportunità dell’internazionalizzazione che oggi, sta rappresentando sempre di più una chiave fondamentale per la competitività delle imprese vitivinicole italiane

Più informazioni su

Giovedì 28 a Castell’Arquato e venerdì 29 novembre a Ziano avranno luogo gli incontri con le aziende vitivinicole interessate all’opportunità dell’internazionalizzazione che oggi, sta rappresentando sempre di più una chiave fondamentale per la competitività delle imprese vitivinicole italiane.

Gli incontri, che vedranno come oratori principali figure di alto calibro, esperti del settore come Fabio Piccoli, direttore di Wine Meridian e consulente per il marketing internazionale nel settore vitivinicolo e il Fabio Tavazzani, esperto di Wine Meridian per l’area “gestione d’azienda” e consulente per l’internazionalizzazione, avranno come obiettivo principale, snocciolare e risolvere la complessità dei mercati internazionali del vino sia per quanto riguarda le caratteristiche del mercato e della distribuzione, sia per ciò che concerne gli aspetti normativi, portando l’imprenditore agricolo a conoscenza delle diverse dinamiche di sviluppo e delle diversificazioni sia nei mercati tradizionali (Germania, Regno Unito, Usa, ecc.) che in quelli emergenti (Cina, Russia, Brasile, India, ecc.).

“La vendita diretta del vino piacentino in zone “vicine”, afferma Dario Panelli, responsabile del servizio vitivinicolo di Coldiretti Piacenza, rappresenta ancora un mercato importante ma non più sufficiente visto il calo dei consumi e vista la crisi economica. Fondamentale quindi diventa la formazione dei nostri imprenditori vitivinicoli che oggi più che mai necessitano di poter crescere professionalmente per poter affrontare in modo adeguato altri mercati e non più solo quelli locali.”

Durante gli incontri verrà inoltre presentato ed illustrato il progetto che partirà già nei prossimi mesi; lo stesso sarà operativo e di supporto alle aziende sia dal punto di vista formativo che di consulenza e finalizzato ad un progetto di marketing ed esportazione del vino piacentino idoneo a perseguire risultati solidi ed incrementali nel tempo.
“Portare i vini piacentini nel mondo, afferma il presidente Coldiretti Luigi Bisi, significa portare il nostro territorio nel mondo, significa valorizzare l’intero territorio e tutte le aziende che su di esso esistono, significa credere nelle proprie competenze, fare squadra e soprattutto fare qualità. E’ per questo motivo che Coldiretti, anche per il settore vitivinicolo ritiene indispensabile percorrere questa strada, con la consapevolezza che il nostro territorio non ha nulla da invidiare a territori molto più blasonati”.

“Ma per esportare, conclude Bisi, occorre conoscere, occorre impegnarsi e investire sulla formazione con volontà per portare la nostra qualità all’estero e garantire ai consumatori internazionali la possibilità di bere Vino vero, perché quello tarocco o dei kit non lo si può chiamare così, quello è solo furto di tradizioni, di valore e di identità.”

Giovedì 28 novembre 2013 ore 10:00 presso la sala consigliare del Comune di Castell’Arquato
Venerdì 29 novembre 2013 ore 10:00 presso la sala consigliare del Comune di Ziano Piacentino

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.