Quantcast

I dipendenti dicono no alle proposte Unieuro. Il 4 sciopero e presidio

No all’accordo proposto dalla proprietà, e nuova mobilitazione indetta per la giornata di oggi. Ma i dipendenti di Unieuro incroceranno di nuovo le braccia il 4 dicembre, per tutta la giornata, in occasione del nuovo incontro tra i rappresentanti di Sgm e i sindacati

Più informazioni su

No all’accordo proposto dalla proprietà, e nuova mobilitazione indetta per la giornata di oggi. Ma i dipendenti di Unieuro incroceranno di nuovo le braccia il 4 dicembre, per tutta la giornata, in occasione del nuovo incontro tra i rappresentanti di Sgm e i sindacati. L’incontro si terrà in provincia e i dipendenti manifesteranno davanti alla sede dell’ente. La proposta della proprietà è stata respinta perché le garanzie fornite non sarebbero state sufficienti. 

“L’assemblea dei lavoratori Unieuro – spiega Giuliano Zuavi (Filcams Cgil Piacenza) – ha giudicato in maniera assolutamente negativa le proposte dell’azienda: gravemente insufficienti per quel che concerne gli ammortizzatori sociali e la tutela dei lavoratori in uscita, anche se c’è un minimo e apprezzabile stato di avanzamento rispetto alla settimana scorsa. Ma, ripetiamo, i 24 mesi di cassa integrazione e gli incentivi di uscita non sono il punto centrale, tutt’altro”.

“La posizione della Filcams, condivisa dalla maggioranza dei lavoratori, è un’altra – prosegue il sindacalista – In questa trattativa si deve partire dalla salvaguardia dei posti di lavoro e delle sedi amministrative di Piacenza e Monticello d’Alba. Quindi discutiamo del mantenimento dell’occupazione e solamente in subordine possiamo discutere di ammortizzatori sociali e incentivi d’uscita. Da parte dell’azienda, invece, registriamo un atteggiamento di chiusura totale che arriva ad un ricatto spudorato: se non accettiamo l’accordo di uscita mettiamo a rischio tutti i dipendenti di Unieuro. E’ un ricatto che rispediamo al mittente”.

Il 4 dicembre è previsto un incontro in Provincia con il Comune, la Provincia i rappresentanti dell’azienda e i rappresentanti dei lavoratori: “Ci aspettiamo la ripartenza di un tavolo di trattativa che prenda le mosse da quanto deciso dall’assemblea dei lavoratori: il mantenimento dell’occupazione e delle sedi di Piacenza e Monticello d’Alba è la priorità”. “Tutti i presupposti per avviare una trattativa chiara e univoca ci sono, la Filcams Cgil chiama tutti i soggetti al tavolo ad un atteggiamento costruttivo e serio che punti al mantenimento dei posti di lavoro”.

“Un obiettivo alla portata” conclude Giuliano Zuavi. Lo stesso giorno, il 4 dicembre, è stato proclamato uno sciopero dei lavoratori Unieuro con presidio in via Mazzini, davanti all’assessorato al Lavoro della Provincia di Piacenza

L’INCONTRO DI MARTEDI’ – I dettagli della proposta erano stati presentati ieri da Sgm ai sindacati, nel corso di un lungo incontro che si è protratto per tutta la giornata di martedì: cassa integrazione straordinaria per i lavoratori di 24 mesi, prolungata di un anno rispetto alla proposta iniziale.

La cassa integrazione straordinaria, lo ricordiamo, riguarda i dipendenti impiegati negli uffici dell’azienda per i quali è stata annunciata la chiusura. Nel precedente incontro con i sindacati, a seguito del quale era stato sospeso lo sciopero dei lavoratori, la società aveva comunicato la volontà di mantenere operativo il magazzino logistico di Piacenza (che attualmente occupa circa 80 persone) con la possibilità, in presenza di un incremento degli ordinativi, di ricollocare una parte del personale in esubero sul comparto logistico.

Le parti risultano comunque ancora lontane: resta il nodo degli incentivi e sulla prospettiva di ricollocare un maggior numero di lavoratori nel magazzino. “Io non so come andrà a finire questa vertenza – commenta Michele Vaghini (Cisl) ma so che se perderemo occupazione su Piacenza sarà comunque una sconfitta, magari onorevole ma pur sempre sconfitta”. Mercoledì è prevista un’assemblea dei lavoratori; intanto il 3 dicembre prossimo, in occasione di una sua visita a Piacenza il ministro dello Sviluppo Economio Flavio Zanonato dovrebbe incontrare i lavoratori di Unieuro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.