Le Rubriche di PiacenzaSera - Cooperazione

Integrati a “regola d’arte”, il progetto educativo Coopselios con la Ricci Oddi foto

Durante l’incontro di presentazione alla Ricci Oddi sono stati approfonditi i termini del progetto che propone la realizzazione di attività espressive basate sulla corporeità e i suoi diversi linguaggi

Più informazioni su

“Integrati… a regola d’arte” è il nome del progetto della cooperativa Coopselios che coinvolge la Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi in un percorso educativo per migliorare l’integrazione scolstica degli alunni disabili e normodotati.

Durante l’incontro di presentazione alla Ricci Oddi sono stati approfonditi i termini del progetto che propone la realizzazione di attività espressive basate sulla corporeità e i suoi diversi linguaggi, con la prospettiva di migliorare l’integrazione scolastica tra alunni disabili e normodotati e di sviluppare appieno le capacità emotive, comunicative e relazionali di tutti gli 80 alunni coinvolti. A illustrarne i termini, davanti agli assessori comunali Paola Beltrani e Tiziana Albasi, il presidente della Coopselios Guido Saccardi e la responsabile della sede piacentina Ester Schiaffonati.   

Coopselios è la cooperativa sociale che ha promosso, progettato e, grazie al finanziamento di Mediafriends Onlus, sta realizzando il progetto, che prevede la realizzazione di 4 laboratori atelier nelle scuole primarie Don Minzoni e Vittorino Piacenza, oltre nelle scuole di San Nicolò e Rottofreno. Il personale che condurrà i laboratori è formato all’utilizzo di tecniche di arte terapia. L’utilizzo di abilità come quelle pittorico manipolative, diverse da quelle convenzionali, apre la porta alla possibilità di sperimentare linguaggi e forme di comunicazione spesso trascurati, e riescono a stimolare lo sviluppo di intelligenze alternative, particolarme indicate per bambini in difficoltà. 

“Integrati… a regola d’arte” ha ottenuto il patrocinio della Provincia di Piacenza, dei Comuni di Piacenza e Rottofreno, del Lions Club di San Nicolò (Pc) e si avvale della collaborazione della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza.

“INTEGRATI… A REGOLA D’ARTE” – SCHEDA PROGETTO

Il progetto educativo coinvolge bambini e ragazzi con differenti abilità di età compresa tra i 6 e gli 11 anni, con la finalità di perseguire il diritto all’inclusione sociale e alla diretta partecipazione delle scelte di vita.
Il progetto consiste nell’offerta di laboratori condotti con tecniche di arte terapia pittorica e manipolativa in contesti scolastici ed extrascolastici, con la prospettiva di migliorare l’integrazione scolastica e di sviluppare appieno le capacità emotive, comunicative e relazionali di tutti gli alunni coinvolti.

I laboratori proposti sono orientati a :
riabilitare e sviluppare le potenzialità residue degli alunni diversamente abili;
integrare e includere alunni disabili e normodotati nel contesto scuola;
potenziare le abilità espressive, comunicative e relazionali di tutti gli alunni, in particolare di quegli studenti che sono portatori di bisogni educativi speciali (BES);
valorizzare l’esperienza e la comunicazione non verbale, a partire dalle cosiddette “competenze comuni”.

Da novembre 2013 ad aprile 2014, “Integrati… a regola d’arte” prevede la realizzazione di 4 laboratori – atelier nelle scuole primarie Don Minzoni e Vittorino da Feltre di Piacenza e nelle scuole di San Nicolò e Rottofreno (PC).

Il personale educativo che conduce i laboratori è stato formato all’utilizzo di tecniche arte terapiche, che si fondano sulla teoria della “Globalità dei Linguaggi”; le attività proposte agli studenti, circa 100, sono orientate al non verbale e al gioco, privilegiando le tipologie ludico-espressive, psico-educative, ri-socializzanti, ri-abilitative e di prevenzione, per favorire un contenimento alle diverse forme di disagio e disturbo, ma anche il loro superamento, attraverso metodiche e strumenti di intervento non tradizionali.

La cooperativa sociale Coopselios ha promosso, progettato e, grazie al finanziamento di Mediafriends Onlus – La Fabbrica del sorriso, sta realizzando questo importante progetto, avvalendosi anche della collaborazione del Museo d’Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.