PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Le volpi piacciono vive”. Oltre 8mila firme contro l’abbattimento

Continua la raccolta di firme contro la caccia alla volpe. "Sono oltre 8000 le firme finora raccolte dal coordinamento delle associazioni ambientaliste ed animaliste della provincia di Piacenza - spiega il coordinamento stesso composto da Legambiente, Lav, WWF, Arca di noè, Lega nazionale della difesa del cane, Oipa, Leal di Cortemaggiore e Piacenza, Micio bau, Qua la zampa, Senza catene, Micioamico, Asilo del cane, Gatti nel cuore, Amici del cane - cartacee ed Internet

Continua la raccolta di firme contro la caccia alla volpe. “Sono oltre 8000 le firme finora raccolte dal coordinamento delle associazioni ambientaliste ed animaliste della provincia di Piacenza – spiega il coordinamento stesso composto da Legambiente, Lav, WWF, Arca di noè, Lega nazionale della difesa del cane, Oipa, Leal di Cortemaggiore e Piacenza, Micio bau, Qua la zampa, Senza catene, Micioamico, Asilo del cane, Gatti nel cuore, Amici del cane – cartacee ed Internet. Banchetti pieni di gente, sito internet intasato sono il segnale evidente della contrarietà di tantissimi cittadini alla delibera provinciale quinquennale che per quest’anno ha disposto l’abbattimento di 239 volpi. La raccolta firme continua durante i prossimi sabati, dalle 9,30 alle 18 sotto i Portici del palazzo Ina a Piacenza e sono già 18 le attività commerciali tra Piacenza e provincia che hanno aderito alla raccolta firme (è possibile trovarle sul sito www.salviamolevolpi.weebly.com)”.

“Il numero di firme raccolte è molto alto – proseguono – a dimostrazione del fatto che le persone hanno esteso agli animali selvatici il rispetto e l’empatia che, un tempo, riservavano esclusivamente agli animali d’affezione. Ci auguriamo, visto il numero delle firme, che la Provincia non intenda ignorare la richiesta di tanti cittadini, sebbene le ultime dichiarazioni dell’assessore Ghilardelli vadano, invece, nella direzione opposta”.

“Qualche chiarimento va dato, precisiamo, innanzitutto, che il parere Ispra, diversamente da quanto da lui affermato non è positivo. L’Ispra con l’ultima nota del 24/09 ha subordinato la positività del parere al rispetto di tutte le disposizioni date, compresa quella dell’esclusione al ricorso di cani da seguita per evitare il forte impatto di questo tipo di caccia sulle altre specie, richiesta assolutamente disattesa nella delibera con motivazioni che inconsistenti. Per quanto riguarda i danni causati dalla volpe attendiamo di sapere dall’assessore l’importo esatto dei danni causati da quesa specie volpe in tutto il territorio provinciale, compresi gli ATC. Il consigliere regionale Gabriella Meo ha già risposto sul punto all’assessore, dichiarando che l’importo lordo dei  danni dal 2003 dal 2012 nella provincia di Piacenza è stato quasi pari a 0. Di cosa stimo parlando? Inoltre il piano faunistico venatorio della provincia di Piacenza per i danni al patrimonio zootecnico causati dalla volpe prevede che con l’utilizzo di semplici ed economiche misure d’intervento si possano eliminare completamente o ridurre drasticamente gli episodi di predazione, eppure si preferisce sparare”.

“L’assessore lamenta, anche, la diffusione sul web di foto di cuccioli uccisi, specificando che non ci sono cuccioli e che la caccia in tana non è esercitata in questo periodo.  Lo sappiamo bene! il piano di controllo partirà il primo dicembre e la caccia in tana è prevista fino al 31 maggio di ogni anno, in squadre, e quindi anche durante il periodo riproduttivo della volpe in aprile, maggio. Allora ci saranno le uccisioni dei cuccioli.Tra l’altro sulla pagina web di raccolta firme del coordinamento non sono pubblicate immagini di cuccioli di volpe uccisi, perché si è preferito, anche in segno di buon auspicio per l’esito della petizione, proporre immagini che evidenziano la bellezza e la fierezza di volpi vive e non sofferenti. A Piacenza le volpi le vogliamo vive”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.