Quantcast

Milano-Piacenza, i pendolari: “Utilizzare la tratta dell’alta velocità”

Pubblichiamo l’intervento dell’Associazione Pendolari Piacenza che commentano l’incontro, avvenuto in Regione Lombardia, con il Gruppo Pendolari di Casalpusterlengo

Pubblichiamo l’intervento dell’Associazione Pendolari Piacenza che commentano l’incontro, avvenuto in Regione Lombardia, con il Gruppo Pendolari di Casalpusterlengo. “Manca uno studio di fattibilità – ha detto relativamente alla proposta del Regio-Express. Ancora: “L’unico modo per attivare un vero collegamento efficiente tra Piacenza e Milano è l’utilizzo della tratta ad Alta Velocità: quante volte dovremo ancora dirlo?”

L’INTERVENTO

Nei giorni scorsi, Stefano Ottolini, del Gruppo Pendolari di Casalpusterlengo ha pubblicato sul gruppo Facebook “Pendolari linea Parma-Piacenza-Lodi-Milano”, un resoconto del loro incontro con la Regione Lombardia.

A diversi di questi incontri ha partecipato in passato anche la nostra Associazione, stavolta non eravamo invitati, pur avendone titolo.

Stefano dipinge un quadro desolante di disservizi (li viviamo tutti i giorni…) e di sostanziale impotenza della Regione nel mettere in atto una qualsiasi azione efficace, ma particolarmente interessante è quanto dice a proposito della proposta di Confindustria Piacenza (per rispetto della lingua italiana, l’abbiamo chiamata collegamento “frequente“ perché “ veloce “ è un’altra cosa).

Riportiamo testualmente il passaggio:

“La proposta di Confindustria Piacenza per il nuovo Regio-Express (a cui hanno contribuito anche le istituzioni della nostra linea, Casale incluso) è solo una proposta politica, il 18 novembre (oggi, quindi ) ci sarà solo un incontro con l’Assessore ai trasporti lombardo ma non è ancora stato fatto alcuno studio di fattibilità. In realtà i funzionari sembrano scettici, sia per gli investimenti che comporterebbe, sia perchè ogni ipotesi di aumento o velocizzazione di treni sulla tratta Codogno-Milano (che interessa anche Cremona e Mantova) deve tener presente quanto la linea sia già congestionata”.

L’aspetto più interessante è che manca uno studio di fattibilità, per cui, ad oggi, si tratta solo di parole prive di un qualsiasi riscontro oggettivo.

Si ribadisce poi (e l’avevamo detto e ridetto anche noi), che la tratta è già congestionata e che quindi “ infilarci ” nuovi treni sarà estremamente difficile.

Conclusione: l’unico modo per attivare un vero collegamento efficiente tra Piacenza e Milano è l’utilizzo della tratta ad Alta Velocità: quante volte dovremo ancora dirlo?

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.