Piacenza, in nove mesi scoperti 149 documenti falsi foto

Sono alcuni dei dati dati sull’attività dell’Ufficio Falsi documentali della polizia municipale. Il convegno a Palazzo Gotico

149 documenti falsi su 286 controllati. Sono alcuni dei dati dati sull’attività dell’Ufficio Falsi documentali della polizia municipale di Piacenza nei primi nove mesi di quest’anno. Tra i documenti contraffatti, 35 i falsi individuati tra i trasferimenti di proprietà dei veicoli o di residenza dei loro proprietari, 31 i tagliandi assicurativi contraffatti esposti sui veicoli, 19 le patenti sequestrate, 28 le carte d’identità non regolari e 7 le carte di circolazione contraffatte.

I numeri sono stati diffusi a Palazzo Gotico nel corso dei lavori del convegno “I tanti volti della contraffazione: dalle etichette commerciali al falso documentale”, organizzato dal Corpo di Polizia Municipale in collaborazione con Anci.

Un fenomeno, quello della contraffazione di merci e documenti, in costante crescita che impone agli operatori  la conoscenza di nozioni che consentano verifiche rapide, efficaci ed a norma di legge. Per chi presidia il territorio la sfida è impegnativa: merce di qualunque tipo, documenti d’identità, di guida ed assicurativi falsi, alterati, contraffatti, sempre più numerosi e sempre più difficili da distinguere ad occhio nudo. L’incontro, rivolto a tutti gli operatori delle polizie locali e nazionali quotidianamente impegnati sul territorio, si è proposto di fornire le conoscenze tecnico-scientifiche utili per il riconoscimento di merci e documenti falsificati già dal loro primo controllo su strada.

Dopo il saluto del primo cittadino, i lavori sono stati introdotti da Massimo Alulli, rappresentante per Anci dell’Area Sicurezza, Infrastrutture e Protezione Civile e da Paola Riccio, in rappresentanza del Ministero dello Sviluppo Economico – Direzione Generale per la Lotta alla contraffazione – Ufficio Italiano Brevetti e Marchi.

A seguire gli interventi di alcuni operatori della polizia locale particolarmente esperti del settore e di aspetti quali la riconoscibilità del falso documentale, le tecniche di stampa e la metodologia per il loro riconoscimento, i principali sistemi di antifalsificazione e, in generale, delle tecniche investigative di contrasto alla contraffazione di marchi e etichette commerciali. Nella sessione pomeridiana un’esercitazione pratica di controllo documentale.


L’UFFICIO FALSI DOCUMENTALI
– L’Ufficio Falsi documentali della Polizia Municipale di Piacenza nasce dall’interesse di alcuni operatori per la contraffazione dei documenti di identità, di guida ed assicurativi che, oltre 10 anni fa, li ha portati a frequentare periodici corsi di formazione sul tema e ad operare sul territorio coinvolgendo un numero sempre maggiore di colleghi.

Ulteriore stimolo al controllo della genuinità dei documenti si è avuto nel momento in cui il Comando della Polizia Municipale ha dotato le pattuglie mobili operanti sul territorio di 7 kit portatili che, utilizzati anche a bordo dei mezzi di servizio, rendono possibili ingrandimenti di otto o trenta volte rispetto all’originale, nonché esposizioni alla luce ultravioletta, che facilitano l’attività di controllo dei documenti. Tali kit sono tuttora in uso e tutto il personale in servizio ha seguito uno specifico corso di formazione sui vari aspetti tecnici relativi al controllo documentale.

Nell’aprile 2009 l’Ufficio Falsi documentali della Polizia Municipale di Piacenza ha ricevuto, da parte della Procura della Repubblica di Piacenza, la delega per effettuare le verifiche tecniche di autenticità su tutti i documenti sequestrati per sospetta falsità da tutte le Forze di Polizia della provincia di Piacenza. Oltre a ciò l’Ufficio è in grado di fornire un costante e tempestivo supporto tecnico ed informativo a tutti gli operatori di polizia che lo richiedano in quanto, oltre all’esperienza direttamente acquisita, si può avvalere della collaborazione e dello scambio di informazioni con altri 23 analoghi uffici esistenti in altrettanti comandi di polizia locale (tra cui Milano, Torino, Venezia, Genova, Firenze, ecc.).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.