Quantcast

Piscina Rivergaro, la Lega: “Benefici al privato, al Comune un pugno di mosche”

Il Carroccio di Rivergaro replica al sindaco Pietro Martini riguardo alla mancata realizzazione della piscina coperta

Più informazioni su

“Ultimatum o no i fatti parlano chiaro: ad oggi il Comune di Rivergaro non ha ottenuto alcun beneficio dalla convenzione col privato per la realizzazione della piscina e – oltre al danno la beffa – non ha nemmeno la vasca coperta. Roma e la crisi sono solo utili ’parafulmini’: 10 anni fa, quando iniziò la storia infinita della piscina, il ‘decreto del fare’ e la recessione avevano ancora da venire”.

Così il Carroccio di Rivergaro replica al sindaco Pietro Martini riguardo alla mancata realizzazione della piscina coperta. “Le nostre sono critiche corali, che vengono dall’indignazione di dirigenti e militanti, per questo parliamo come sezione. A differenza del Pd il nostro movimento lavora in squadra, motivo per cui ci firmiamo come gruppo. E’ assurdo e scorretto che il sindaco Martini accusi il nostro rappresentante in minoranza – il consigliere Claudio Faccini – di ciò che il Comune non ha fatto e delle tante occasioni perse in questi anni”.

Uno degli “errori imperdonabili” che il Carroccio imputa all’amministrazione è proprio quello delle “proroghe infinite” alla realizzazione della piscina, tanto che “dopo dieci anni siamo ancora qui a parlarne, con un pugno di mosche in mano e un termine di 30 giorni (speriamo definitivo) solo recentemente imposto al privato per sbloccare lo stallo”.

Basti dire che “la prima convenzione siglata con l’impresa fissava come scadenza per la realizzazione della vasca la fine di febbraio del 2007. Da quella data si è continuato a rimandare”. Intanto, però, in questi anni il privato ha goduto dei benefici dell’intesa – non ha infatti pagato gli oneri di urbanizzazione per la realizzazione del parco acquatico e vi ha costruito davanti un parcheggio di grandi dimensioni – il Comune, invece, si trova cornuto e mazziato: ha ceduto terreno ma ancora aspetta la ‘contropartita’, cioè piscina e palestra (di Niviano).  In compenso su questa vasca coperta ‘fantasma’ la sinistra ci ha marciato per tre campagne elettorali: 2004, 2009 e – ora – gioca a fare la voce grossa in vista delle Comunali 2014”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.