Quantcast

Botulino, disposto il ritiro delle olive nere “Bel Colle”

A seguito di un ulteriore allerta diramato dal Ministero della Salute, le autorità sanitarie hanno disposto il ritiro immediato dal commercio di tutti i lotti con tutte le scadenze dei prodotti a marchio Bel Colle

Più informazioni su

Politiche per la salute – Botulino, ritirati tutti i lotti con tutte le scadenze del marchio “Bel Colle”

Bologna – A seguito di un ulteriore allerta diramato dal Ministero della Salute, le autorità sanitarie hanno disposto il ritiro immediato dal commercio di tutti i lotti con tutte le scadenze dei prodotti a marchio Bel Colle.

Il provvedimento si è reso necessario dopo che una confezione di olive dolci nere del marchio Bel Colle è risultata positiva alle tossine botuliniche dalle analisi effettuate dall’Istituto Zooprofilattico della Lombardia e dell’Emilia Romagna, sezione di Bologna.
Si invita chiunque avesse acquistato i prodotti a marchio Bel Colle (Olive dolci nere 400 g – Codice articolo: 0080048401.01; Olive nere piccanti 400 g – Codice Articolo: 0080048701.01) a non consumarli e a consegnarli alla propria Azienda Usl o al punto vendita dove sono stati acquistati.

Sanità, disposto il ritiro immediato dal commercio delle olive dolci nere “Bel Colle” lotto 95-13 in confezione da 400 grammi, risultate positive alle tossine botuliniche.

Bologna – Le autorità sanitarie hanno disposto il ritiro immediato dal commercio di un prodotto alimentare risultato positivo alle tossine botuliniche.
Si tratta di una confezione di olive dolci nere del marchio “Bel Colle”, in confezione sottovuoto da 400 grammi, lotto 95-13 con scadenza il 25 dicembre 2013.
E’ importante che chiunque abbia già acquistato il prodotto del lotto in questione non lo consumi e lo consegni immediatamente, anche se la confezione è già aperta, nel punto vendita dove l’ha acquistato.

Il prodotto è risultato positivo alle analisi effettuate dall’Istituto Zooprofilattico della Lombardia e dell’Emilia Romagna, sezione di Bologna, dopo che una signora era stata ricoverata all’ospedale “Morgagni-Pierantoni” di Forlì per un sospetto caso di botulismo, una grave tossinfezione alimentare i cui sintomi si manifestano in un periodo che va da poche a qualche giorno successivi all’assunzione dell’alimento. La persona è ora ricoverata per botulismo nel reparto di rianimazione dell’ospedale forlivese.
L’esito delle analisi ha fatto tempestivamente attivare il sistema nazionale di allerta rapido degli alimenti: secondo quanto previsto dalla normativa è stato disposto che la ditta produttrice (con sede nel Lazio) e la catena commerciale di distribuzione, subito allertate, provvedessero all’immediato ritiro del lotto dal commercio.
Oltre al ritiro immediato dal mercato, la normativa prevede che la ditta produttrice, la catena di distribuzione e chiunque commerci il lotto del prodotto debbano informare i consumatori dei provvedimenti adottati.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.