Quantcast

Confagricoltura, concluso il ciclo di incontri sulla Pac

C’è stata grande partecipazione agli incontri che Confagricoltura Piacenza ha organizzato sul territorio per confrontarsi con la base associativa sui possibili scenari delineabili con la nuova Pac. Diversi gli appuntamenti che hanno registrato il tutto esaurito con un calendario che è andato dal 27 novembre al 5 dicembre

Più informazioni su

C’è stata grande partecipazione agli incontri che Confagricoltura Piacenza ha organizzato sul territorio per confrontarsi con la base associativa sui possibili scenari delineabili con la nuova Pac. Diversi gli appuntamenti che hanno registrato il tutto esaurito con un calendario che è andato dal 27 novembre al 5 dicembre.

Il venti novembre scorso, infatti, è stata approvata dal Parlamento Europeo la nuova Pac, ma la partita, ora, si giocherà sulle proposte che gli Stati Membri e le Regioni saranno in grado di inviare per attuare quanto Bruxelles ha deciso. E su questo fronte l’Italia parte già in ritardo perché manca ancora un accordo tra le Regioni. A livello nazionale non sono stati declinati parametri importanti come la definizione di agricoltore attivo e quali buone pratiche andranno a costituire le azioni di greening. Sono ritardi probabilmente dovuti anche alla burocrazia, ma, di fatto, ci si affaccia ad una riforma confusa.

“Quello che vediamo oggi – ha detto Giovanni Marchesi, responsabile del Servizio Tecnico dell’Associazione – è un quadro d’insieme. Sappiamo che nella nuova Pac i titoli storici saranno sostituiti da diritti, l’Unione Europea ha stabilito che i pagamenti dovrebbero essere tendenzialmente uniformi, vincolati ad impegni agroambientali, con dei plus assegnati in maniera selettiva, come, ad esempio, la premialità per i giovani. L’Italia, dal canto suo, deve decidere quale tipo di regionalizzazzione attuare, ossia come uniformare i diritti: in base a regioni geografiche o alla distinzione tra pianura, montagna collina o ad altri criteri ancora da valutare. Ancora, va deciso se ed in base a quali criteri prevedere dei premi accoppiati. Variabili, insomma – ha precisto Marchesi – che impatteranno parecchio su quanto ciascuno potrà percepire”. La prima condizione per aver diritto ai nuovi premi è aver presentato domanda Pac nel 2013. Stante il contesto, eventuali cambi societari vanno valutati con attenzione, così come la sottoscrizione di contratti d’affitto di terra e titoli.

Varie le questioni affrontate e poste dagli intervenuti. “Ci è sembrato importante – ha commentato il Presidente di Confagricoltura Piacenza, Enrico Chiesa – in questa fase delicata prepararci condividendo quelle che sono le informazioni già consolidate e le variabili in gioco che andranno ad impattare sulle strategie di sviluppo delle nostre imprese. E’ una Pac che avrebbe potuto essere migliore, ma che nel complesso risulta profondamente ridisegnata, in positivo, rispetto alle prime bozze presentate. A livello sindacale Confagricoltura ha saputo esercitare una forte pressione ottenendo buoni risultati. Ad esempio, è passato il messaggio che l’agricoltura deve tornare ad essere produttiva, anche se alcune misure annoverate dal greening risentono ancora di una certa ideologia pesudo-ambientalista. Mi riferisco, in particolare – prosegue Chiesa – al vincolo che le aziende maggiormente dimensionate hanno di riservare il 5% della superficie a focus ecologico. Ben venga la rotazione delle colture, la sostenibilità delle pratiche agronomiche, l’uso degli ammendanti organici, ma nel momento in cui il mondo chiede cibo e si prepara all’Expo che ha per tema “nutrire il Pianeta”, francamente, lasciare incolti terreni fertili e sempre più preziosi suona come un’assurdità”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.