Quantcast

Copra Elior schianta anche Latina. Finisce 3 a 1 foto

Copra Elior in campo a Latina porta a casa il sesto successo consecutivo in campionato e riduce lo svantaggio sulla capolista Macerata, che nell’anticipo ha lasciato un punto per strada

Più informazioni su

Copra Elior in campo a Latina porta a casa il sesto successo consecutivo in campionato e riduce lo svantaggio sulla capolista Macerata, che nell’anticipo ha lasciato un punto per strada battendo Modena al tie break. La partita è finita tre a uno per Piacenza che ha vinto in modo difficoltoso il primo set (finito 37 a 35) per poi perdere il secondo e vincere abbastanza agevolmente gli altri due. 

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CRONACA DELLA PARTITA SU SPORTPIACENZA.IT

ANDREOLI LATINA – COPRA ELIOR PIACENZA 1-3 (35-37, 25-22, 16-25, 16-25) – ANDREOLI LATINA: De Rocco 1, Candellaro, Rossini (L), Gitto 9, Sottile, Skrimov 15, Verhees 6, Paris, Noda Blanco 3, Starovic 19, Fragkos 7, Torres 1. Non entrati Tailli. All. Santilli. COPRA ELIOR PIACENZA: Marra (L), Le Roux 4, Papi 7, Fei 7, Kaliberda 21, Simon 15, Zlatanov 5, Tencati 3, Vettori 12, De Cecco 3. Non entrati Partenio, Smerilli, Husaj. All. Monti. ARBITRI: La Micela, Gini. NOTE – Spettatori 1200, incasso 7300, durata set: 38’, 26’, 22’, 24’; tot: 110’.

Piacenza porta a casa l’intera posta dopo due set giocati alla pari contro l’Andreoli Latina. Una gara dai due volti, un avvio a molto equilibrato e poi i pontini si sono leggermente spenti subendo dei “filotti” che gli hanno piegato le gambe.
Inizio di set con le due squadre che si alternano al comando, dopo il tim eout tecnico (12-10) una serie di cambipalla tra Latina e Piacenza che recupera sul 23-23, si va ai vantaggi, dopo una serie di palle set per parte chiude a muro Zlatanov sul 35-37.
Latina parte subito bene nel secondo set 5-2, con un ace di Skrimov 9-5, dentro Papi, e poi 16-11, Piacenza recupera fino al 19-17 con l’entrata di Vettori con i pontini che chiudono con Starovic 25-22. Monti conferma nel terzo set Papi e Vettori, parte bene Latina 4-1 ma poi sui servizi di Simon subisce 6 punti consecutivi (6-11), Santilli manda in campo Paris, Torres e DeRocco con Piacenza che chiude 16-25. Ancora una buona partenza dei pontini 4-1, ma gli ospiti recuperano in fretta e si portano avanti 10-12 per poi allungare 12-15 e con una serie di break 13-20, altri tre nel finale per chiudere 16-25. MVP Simon

Chiamate Video Check
1° Set: 8-8 richiesto da Latina per battuta out Starovic, decisione cambiata ace 9-8
1° Set: 24-23 richiesto per battuta out Skrimov, decisione confermata 24-24
1° Set: 33-33 richiesto per palla dentro Le Roux, decisione confermata 33-34
2° Set: 11-9 richiesto da Piacenza per battuta out Fei, decisione confermata 12-9
2° Set: 19-15 richiesto da Piacenza per palla out del muro di Vettori, decisione cambiata 19-16
4° Set: 15-21 richiesto da Piacenza per attacco out Simon, decisione cambiata 15-22
4° Set: 16-23 richiesto da Piacenza per attacco out Vettori, decisione cambiata 15-24

Luca Monti (allenatore Copra Elior Piacenza): “Sapevamo che poteva essere una gara lunga e dura per noi, Latina non merita certo la posizione in classifica che ha e con l’arrivo di Starovic si è ulteriormente rafforzata. Abbiamo sofferto molto nei primi due set ma poi siamo stati bravi a portare a casa tre punti preziosi”.
Carmelo Gitto (Andreoli Latina): “Questi impegni ravvicinati ci portano via il tempo per allenarci, però dobbiamo veder la parte positiva, l’aver combattuto per due set alla pari contro una grande squadra come Piacenza. Siamo in crescita”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.