Quantcast

Indovina dove: il faro di Bettola 

Barbara Tagliaferri è nata il giorno dell’attraversamento del Rubicone da parte di Annibale, prima nata in città di una stirpe di nati in campagna.

Il Faro di Bettola
 
Coordinate: 44°47’0?N 9°37’0?E.
Aperto al pubblico da martedì a venerdì 9.30-12.00 e 15.00-17.00; sabato 9.00-12.00 e 15.00-17.30; domenica 9.00-16.00. 
Prezzi: adulti 3 €, bambini 1,50 €. 
Si organizzano attività per piccoli gruppi e per classi elementari e medie. 
Info: Comune di Bettola – Tel. 0523.919293 – Email: faro@comune.bettola.it – Sito web: www.farobettola.it – Fb: www.facebook.com/faro.bettola – Tw: @farobt Per ulteriori informazioni clicca qui 
 
Situata sulla sommità del Monte Osero, a mt 1308 slm, la Lanterna di Bettola è un autentico faro, risalente al 1800 circa, alto 75 metri, oltre alla lanterna vera e propria; la struttura ha base quadrata e lato di 7 metri; all’altezza di 5, tre piccoli gradini riducono la dimensione del monumento fino all’inizio della parte conica, che parte con un diametro di 5,80 metri e arriva alla sommità, con un diametro di 2,70 metri. Il faro vero e proprio ha un’altezza di 3 metri. 
Monumento architettonico di pregio, il faro mostra, nella prima parte del cono, gli altorilievi delle tre caravelle di Colombo, e sulla base 4 bassorilievi che narrano le fasi salienti della sua vita. Il più famoso, visibile in foto anche nella pagina facebook del faro – www.facebook.com/faro.bettola – narra la vicenda del giovanissimo Cristoforo nella sua casa natale nella Torre Medievale di Pradello.
Da sempre vicini per tradizioni e contiguità geografica alla Liguria, con la quale in passato, attraverso la famosa via di Genova, i mercanti scambiavano grano e olio, i bettolesi costruirono il Faro per dare ai viaggiatori per terra e per mare un punto di riferimento che fosse visibile da lontano e segnalasse a tutti la loro cittadina. Posto sulla sommità del Monte Osero, il faro era ed è tuttora raggiungibile da parte dei custodi, si dice discendenti in linea femminile della famiglia di Colombo, attraverso un sistema di tunnel e gallerie.
L’aspetto attuale del faro, frutto di ripetuti abbellimenti e restauri, costituisce un’ulteriore manifestazione dell’attaccamento dei bettolesi al famoso navigatore.
Con una sistema di illuminazione moderno, basato sulla luce crepuscolare, oltre che azionato direttamente dal custode, il faro è attualmente costituito da lampade elettriche e con motorizzazione dell’ottica; un tempo alimentato da un generatore diesel, oggi funziona anche grazie all’energia eolica e ad accumulatori fotovoltaici. Una luce fissa ad alta intensità emette brevi lampi luminosi omnidirezionali; caratteristica e periodo sono stati concordati con il Comando di zona di La Spezia.
La colorazione esterna del faro riprende il turchese e il verde dello stemma di Bettola, mentre altorilievi e bassorilievi sono in marmo bianco. Le luci intermittenti funzionano sia di notte sia di giorno, e un vero guardiano, con cappellino da marinaio, pipa e scarponi da montanaro, controlla che navi e altri mezzi – si racconta che negli anni in cui fu in uso, anche la Littorina utilizzasse il faro come riferimento – non perdano la rotta e assiste chi per caso giunge da lui offrendo prodotti tipici locali e un boccale di birra: da sempre nel faro si può gustare la birra prodotta dal Birrificio di Bobbio [cfr. in merito la voce omonima]. Oggi il ruolo del guardiano del faro è ricoperto da un eccentrico bettolese in pensione. Grazie all’iniziativa del suo predecessore, oltre a regolari visite guidate del monumento ogni seconda domenica del mese si organizzano simulazioni della vita del Guardiano, con azionamento manuale della lanterna e relativa manutenzione e visite nelle gallerie che dal faro conducono al paese, principalmente per bambini, ma anche per gruppi di ogni età.
Preso da modello dal famoso scrittore romano dei lucchetti per uno dei suoi ultimi romanzi e successivamente utilizzato come location per alcune scene del film tratto dal romanzo stesso, il faro non è stato citato nei titoli di coda a causa del rifiuto da parte del Birrificio di Bobbio, fornitore unico della birra offerta nel faro, e del più famoso distributore di carburante di Bettola di contribuire alla sponsorizzazione del film stesso.

Barbara Tagliaferri è nata il giorno dell’attraversamento del Rubicone da parte di Annibale, prima nata in città di una stirpe di nati in campagna. Ama la provincia di Piacenza perché ci è nata e la sente casa sua, ha un affetto speciale per la val Trebbia, perché è da lì che trae le sue origini, ed è felice quando cammina per le vie del suo quartiere con il suo adorato Tobia: lì, certi giardini, all’interno di piccoli complessi di case una volta popolari, per lei sono meglio di Notting Hill per Julia Roberts. Campionessa di briscola in cinque ai tempi del liceo, nuota sin da piccola, ma senza aver mai neanche pensato di applicarsi da un punto di vista agonistico, e ama la pallavolo femminile, che segue in veste di tifosa appassionata. Ama leggere e ogni tanto scrive. Vorrebbe riuscire a finire un romanzo iniziato alla Bottega di Narrazione, nel lontano 2011. Tutte le circostanze sono sinora state sfavorevoli, ma il vento sta cambiando.
 
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.